Connect with us

Interviste

Intervista a Santo Trafficante

Published

on

Pubblicato lo scorso ottobre da Time2Rap, “Sicario su Commissione” è il nuovo album del rapper italo tedesco Santo Trafficante.

Santo è uno dei più longevi rappresentanti del filone hardcore/gangsta rap, attivo da fine Anni ’90 con decine tra album, EP, mixtape e singoli, dove ha collaborato con nomi rappresentativi della scena come Guè Pequeno, Noyz Narcos, Bassi Maestro, Gionni Gioielli, Inoki, Marracash e molti altri. Numerosi ospiti arricchiscono la tracklist, in primis Metal Carter molto vicino al mondo di Trafficante, i romani Fetz Darko, Lord Madness e Suarez, ma anche Akran ed Egreen.

Un onore per noi di ClubHipHop aver potuto intervistare una pietra miliare come Santo che ci ha fatto veramente piacere ospitare sul nostro portale.

Sicario su commissione è un titolo molto forte ma ben si collega a una chiave di lettura possibile del lavoro: uccidere per denaro come conseguenza estrema della follia e dell’egoismo accentuato dal capitalismo. Siamo davvero disposti a tutto pur di guadagnare e fare un’escalation sociale?

Io credo sinceramente di sì. L’attuale modello sociale ci impone proprio la scalata (verso dove?) a tutti i costi – e se non ci riesci è solo colpa tua. Si tratta di una semplificazione estrema della realtà. Questo sistema post-capitalistico in cui ci troviamo tutti, alla fine potrà portare solo al suicidio della società. Non vedo altre vie d’uscite logiche da questo meccanismo, da questa gabbia d’acciaio. Fino a che punto possiamo spingere l’egoismo individuale? Fino a dove può arrivare l’accumulazione morbosa di denaro senza fine? Fino a che punto si possono sfruttare le persone e la natura? Non ho delle risposte definitive a queste domande e pure io stesso sono parte dell’ingranaggio, ma cerco comunque di far riflettere l’ascoltatore attraverso una terapia “shock”. Che cosa succederebbe se il denaro prevalesse su tutto? Ecco dove si posiziona “Sicario su Commissione”. Una sorta di visione distopica contemporanea.
Quello che emerge nella mia musica, grazie a Dio non è che una piccola parte della mia vita quotidiana. In effetti la mia musica rappresenta una sorta di auto-terapia con cui getto fuori tutta la rabbia e i sentimenti negativi. So benissimo che la vita violenta e di strada portano solo alla disfacimento di tutto quello che si è e si ama. Ho visto con i miei occhi quello che succede alle persone: bara, galera, droga, distruzione. Non c’è nulla di bello in quello stile di vita.

Il disco si apre con Grazie Gesù, ironico brano che prende di mira la religione e che riflette sul dover pagare dazio quotidianamente. Che rapporto hai con la religione? Come mai hai deciso di inserire questo come primo brano nella tracklist?

Anche se “Grazie Gesù” potrebbe apparire come attacco alla religione, in realtà si tratta a tutti gli effetti di una canzone “spirituale”, intesa nel modo più distorto. E’ una testimonianza sincera, per quanto malsana. Mi spiego: affronto il fatto di ringraziare Gesù con la mentalità di strada. Ringrazio per delle cose sensate, ma anche per delle cose pessime (pistole, lame…), che di per sé è un controsenso nello spirito religioso. Ma vorrei sottolineare che fuori, nel mondo, è effettivamente una realtà questo modo di pensare e di agire. E’ come trovare una giustificazione o benedizione per il male che si commette.

La canzone si può leggere anche come orgoglioso e moderno statement del fatto che si è spirituali e/o credenti: credo in Gesù Cristo, faccio i soldi e sono armato fino ai denti. Mi contrappongo alla credenza o alla moda del momento, che mette il credente al livello di un perdente o ingenuo. Un altro modo per esprimere il proprio essere spirituale in controtendenza con i tempi.

Ma allo stesso tempo, ad un livello più profondo, è anche un ringraziamento, per tutto quello che abbiamo. Questo mi rispecchia profondamente nel mio modo di affrontare la vita: anche tra me e me ringrazio Dio per il sole che splende, per la famiglia che ho accanto e per il fatto di essere libero e in salute. E’ un modo di affrontare la vita in modo più leggero e comunque positivo. Spero che questo aspetto faccia riflettere le persone.

Ho inserito questa traccia all’inizio per una scelta precisa, ma anche su consiglio di Metal Carter. E’ un brano musicalmente fresco e contemporaneo, e al contempo è pure una buona introduzione a quello che segue. Dal punto di vista musicale, degli strumenti e delle sonorità, è un po’ fuori dagli schemi rispetto al resto e conferisci al tutto “dimensionalità”.

Il pessimismo è tangente, emerge quasi un punto di vista nichilista ma in alcuni brani come Love you e Sono troviamo una maggiore speranza, anche dettata dalla scelta musicale più ariosa. Come stanno insieme questi due aspetti?

Come nella vita e nell’anima umana, anche nella musica cerco di affrontare gli estremi e i contrasti – e di farli convivere. Credo che ognuno di noi viva dei conflitti interiori di tipo morale ed etico. Io provo ad analizzarli e soprattutto gettarli su tracce musicali in forma di rap. Come già precedentemente accennato, la mia musica assorbe in qualche modo tutto il negativo, tutto il pessimismo che posso serbare dentro di me. Credo pure grazie al rap, a questo sfogo, nella vita quotidiana sono una persona effettivamente molto ottimista e con valori solidissimi e una ricca vita spirituale interiore.

“Love you” è il contrario di quello che il titolo effettivamente racconta. La strumentale, che ho prodotto io, ha un feeling molto soul anni ’70 e leggiadro, con una batteria veramente soffice e morbida. Però in contrasto ci sono io, che sputo solo odio puro. Scrivendo la canzone stavo proprio pensando ad una persona che avrei voluto uccidere – era questo lo stato d’animo del momento.

La traccia “Sono” invece ha un approccio a tutti gli effetti conscious. Ho voluto creare un’immagine positiva, ma anche melanconica, che mettesse l’ascoltatore nello stato di sentirsi parte del tutto attorno a noi. Come dire: non siamo solo individui isolati, come ci vorrebbero far credere soprattutto oggi, ma al contrario siamo parte di una comunità umana e contemporaneamente integrati nella natura. Siamo individui in un contesto storico, con un passato, presente e futuro. Alla fine questa canzone è un grande esercizio di empatia e mostra la volontà di allargare lo sguardo e comprendere veramente il prossimo: “Sono la verità del bugiardo, sono il sanpietrino sotto l’asfalto…”. Ma non nego che ha pure qualcosa di mistico, di inspiegabile, qualcosa a cui non voglio e non posso neanche dare una risposta. Questo strato di mistero è una parte fondamentale della canzone.
Proprio per spezzare il mio racconto su “Sono”, ho inserito sul ritornello il rapper Akran di Bologna, che saluto. Ha scritto qualcosa che si abbina perfettamente sia al beat che alla mia parola – parzialmente anche contrastandola. E per rendere il tutto ancora più completo, sulla parte che chiude il brano Maurizio Leoni ha suonato il sax, come una sorta di voce senza parole che chiude il racconto.  

Un altro brano dai contenuti attuali e crudi è Endless in cui racconti un episodio di femminicidio. Come ti sei approcciato di fronte a questo tema?

Più che raccontare un episodio di femminicidio, utilizzo questo termine scandaloso per spiegare che “fine fanno” i miei concorrenti al microfono: “Trapper in trappola rido, mentre li uccido, una puttana che rappa: femminicidio”. Come dire, se da un lato “uccido” i trapper “maschi”, dall’altro non mi fermo neanche davanti ad una “femmina” – chiaramente sempre nel contesto dello scontro verbale nella musica rap. Questo potrà sembrare qualcosa di strano e apparentemente violento, ma è la normalità nel Rap dagli albori negli anni ’80. L’avversario nel Rap va sconfitto – liricamente, tecnicamente e verbalmente.

Sei tra i rapper più longevi del panorama italiano, che opinione hai della scena attuale e in particolare quella della tua città?

Dal punto di vista dei numeri sono molto contento di come si è sviluppata la scena rap. La musica rap si è affermata definitivamente nel mainstream e inoltre ci sono migliaia di ragazzi che si dedicano a fare il loro con le rime o il beatmaking. Pure grazie al nostro lavoro e la nostra dedizione, abbiamo raggiunto un ottimo livello nel music business: in tanti si guadagnano da vivere con il rap, il che è solo positivo. Ovviamente ci sono pure tanti squali e arrivisti che cercano di infiltrarsi, ma questo probabilmente è parte del gioco.

Da un punto di vista qualitativo, non posso non notare l’appiattimento creativo e culturale rispetto a qualche anno fa. Nonostante tutte le possibilità, i mezzi a disposizione e le idee che fornisce il web, vedo comunque un’omogeneizzazione nei trend e negli stili. Paradossalmente con meno, di solito si riesce a fare di più. L’aver a disposizione tutto, spesso limita l’immaginazione dei giovani.

E devo pure dire che sono cambiate le motivazioni per fare musica. Io arrivo da un’era in cui si faceva la musica per fare musica e basta. Grandi sbocchi una volta erano inesistenti, il mercato del rap italiano era composto da migliaia di persone, non da milioni come oggi. Girava tutto attorno alle skills, alla fama e la gloria. La vera passione e dedizione una volta era indispensabile per continuare a fare musica.

Come uccidere il tuo miglior nemico ha la forma dello storytelling, che ben si addice oltretutto al genere di musica che proponi. Da cosa deriva questa scelta?

Questa canzone nasce da due impulsi: intanto rappresenta il superamento di una sfida dal punto di vista creativo. Ideare e scrivere canzoni in stile “storytelling” in modo riuscito, anche per un esperto richiede uno sforzo notevole. Non devono mancare contenuti alla comprensione della storia e tutto deve essere metricamente e liricamente perfetto. La maggior parte dei rapper non le sa fare queste canzoni, soprattutto per mancanza di capacità ed inventiva. Anche se sono state fatte cose in questa direzione, posso dire che questa canzone è unica nel panorama del rap globale.

Da un altro punto di vista più psicologico e del contenuto, ho provato ad entrare nella mente del killer, che pianifica tutta l’organizzazione prima di compiere l’atto. Infatti cerco di raccontare e spiegare tutti i dettagli con la massima chiarezza e freddezza, come se fossi effettivamente io a pianificare l’azione. L’intento è quello di trasmettere la massima calma e il controllo – sangue freddo – e di mostrare come potrebbe ragionare un sicario attento.

Pensi che la musica possa aiutare a scuotere le coscienze in questa società asservita al dio denaro?

Sinceramente non credo in una musica che possa cambiare le coscienze e la società. Secondo me la musica può influenzare uno stato d’animo e perciò tirarti su, farti ballare, rinvigorirti, farti sorridere, piangere, ecc. Almeno è come la vivo io. E si è visto in passato come le canzoni altamente idealiste (soprattutto superficialmente), come “We are the world”, non hanno cambiato un gran ché, e anzi lasciano sempre un retrogusto di ipocrisia. Con questo non voglio dire che non mi piace la canzone in questione, anzi la apprezzo molto, però non ha portato il cambiamento che racconta ed auspica. Pure il moralismo sventolato come bandiera, non funziona. Nessuno vuole ascoltare chicchessia che cerca di insegnarti qualcosa. E’ come con i figli: più che con le parole, si insegna con le azioni e il comportamento.
Però credo che si possa far cambiare prospettiva e visuale all’ascoltatore, attraverso un attento lavoro di costruzione di immagini, immaginari, visioni ed idee. Aprendo in qualche modo la mente all’ascoltatore, potenzialmente si riesce ad ampliarne lo sguardo. A me stesso è capitato spesso di rimanere come sbalordito davanti ad una rima che mi ha colpito, o un album che ha cambiato il mio modo di pensare, come pure davanti ad un libro che ti riesce smuovere da una posizione che credevi salda. Io con la mia musica vorrei raggiungere lo stesso obiettivo: scuotere e far immaginare chi ascolta.

Conoscenza, informazione e coscienza secondo me sono i mezzi per liberare l’uomo dalle sue catene – immaginarie e non – e con la mia musica vorrei sempre trasmettere indirettamente “deep knowledge”.

Hai curato anche la produzione dei brani, qual è stato il tuo modo di lavorarci e quali soluzioni nuove hai inserito rispetto ai tuoi dischi precedenti?

Il disco è nato selezionando i brani scritti e registrati in un certo periodo. Diciamo che si è sviluppato con il tempo ed ha preso forma nel corso dei mesi. Quello che avevo in mente dall’inizio era sicuramente la lunghezza dell’album. Non avevo intenzione di superare le 11-12 tracce e di fatti alla fine sono arrivato a 10 tracce. Oggi giorno la “attention span” dell’ascoltatore è diminuita drasticamente e inoltre il mercato è pieno di musica, perciò bisogna per forza di cose adattare gli album ai tempi moderni. Tra l’altro mi ci metto io in primis. Non ascolto più, se non molto raramente, album interi. Più che altro mi guardo videoclip e ascolto i singoli – dico sfortunatamente. Però è cambiato tutto, anche il modo di consumare musica, e bisogna prenderne atto.
Come su certi dischi precedenti, anche con questo album ho curato molto il dettaglio. Perciò una selezione attenta delle basi, una struttura delle canzoni non sempre scontata e tante piccole gemme inserite qui e lì – sempre con lo scopo di creare un lavoro spesso e concettualmente profondo. Tra l’altro, pure Metal Carter mi ha dato una mano e consigli, soprattutto per quello che riguarda la tracklist e la selezione dei brani più belli. Grazie man!

EMBED SPOTY

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Interviste

Intervista a Misstake

Published

on

Misstake è un nome già conosciuto in ambito hip hop sin dai suoi inizi nel 2011, da quando è apparsa al fianco di artisti del panorama hip hop come Laioung, Nex Cassel, Vacca e molti altri. Da quel momento Alessandra Tondo, vero nome dell’artista, non si è più fermata.

Oggi, grazie al sodalizio con il producer The Ross e ad alcune vicende che l’hanno colpita personalmente, ha dato vita a un nuovo brano, “Diva”. Che, come spiegherà lei stessa in questa intervista, è una porta su un viaggio multisensoriale, primo di altri singoli che verranno in seguito seguendo lo stesso concept.

Misstake è stata vittima di revenge porn, un evento che le ha dato lo slancio per riprendere in mano la sua vita e la sua libertà, anche di mostrarsi per quello che è. Da quel momento è nato il suo nuovo singolo, un anthem che celebra la libertà di espressione.

Intervista a Misstake

Abbiamo avuto l’opportunità di intervistare Misstake e ne è nata una divertente chiacchierata riguardo al suo ultimo singolo con alcune curiosità molto interessanti.

  1. Ciao Misstake! Il 14 gennaio è uscito in radio il tuo nuovo singolo “Diva”. Per chi non ti conosce ancora, presentati e spiegaci come hai iniziato il tuo percorso musicale.

Ciao, sono Alessandra, in arte Misstake e sono la tua nuova cantante preferita! Ho iniziato da piccola a cantare e a scrivere poesie, dopodiché ho fatto uscire delle canzoni rap con artisti a livello nazionale (tra i quali Laioung, Sud Sound System, Vacca e molti altri). Ho deciso, in seguito, di sperimentare il più possibile autonomamente cercando di lanciare dei messaggi positivi. Da qui inizia il mio viaggio…

  1. Come sei arrivata a questo nuovo singolo nel tuo percorso? Da quale esigenza è nato?

Il singolo nasce dall’esigenza di far trasparire il messaggio relativo alla libertà di espressione, fulcro di ogni mio brano.

  1. Com’è nata la collaborazione con il produttore The Ross e a cosa vi siete ispirati per creare il sound di questo singolo?

Ci ispiriamo a diversi generi musicali unendo il sacro e il profano. Ci piace sperimentare e riuscire sempre a portare un prodotto innovativo, definito da me “multisensoriale”.

Ross l’ho conosciuto tramite Instagram poiché dovevo fargli delle promozioni per un artista che seguiva. In seguito ci siamo trovati molto bene ed è salito a Milano per collaborare con me e per stare più a stretto contatto, a livello musicale.

  1. Hai raccontato di essere stata vittima di revenge porn e di aver aperto un profilo su Only Fans. Come si lega questa vicenda al tuo brano?

Sono stata vittima di revenge porn e ne sono uscita vincitrice, poiché ho scelto autonomamente di fronte ad un ricatto di postare alcuni scatti incensurati, senza lasciare che fossero venduti ai giornali. Il singolo nasce con l’intento di far trasparire il più possibile il messaggio della libertà d’espressione: nel 2022 non dobbiamo più scandalizzarci di fronte ad un corpo nudo e dobbiamo iniziare a considerarlo arte a tutti gli effetti.

  1. Che ruolo hanno secondo te le donne oggi, nella musica? Nell’urban noti che si fa ancora fatica ad emergere a discapito dei colleghi uomini?

Dal mio punto di vista c’è molta competitività, poiché le persone tendono a confrontare i risultati che ottengono rispetto ai risultati che ottengono altre persone, e questa cosa va a discapito dell’artista. Io credo che bisogni a tutti gli effetti coltivare la propria unicità e portare dei prodotti che siano attribuibili solamente a te, quindi distinguersi. Sicuramente per una donna è più difficile perché ci sono molti retaggi culturali. Una donna deve avere le palle quadre per farsi spazio, ma dal mio punto di vista, se ognuno coltiva la propria unicità, di spazio ce n’è a sufficienza per tutti. Credo nella sana competizione, ma solo ed esclusivamente con me stessa!

  1. Sei molto attiva sui social e hai un profilo molto popolare. Che rapporto c’è con il mondo digitale? Pensi che possa aiutare un’artista a veicolare un messaggio o è un’arma a doppio taglio?

Diciamo che ci tengo ad avere un rapporto molto confidenziale con le persone che mi seguono, e anche di supporto. Mi piace essere una guida per le persone che mi seguono, mi piace portare un messaggio positivo a chi mi legge. Farlo è fondamentale, così come sfruttare i numeri che si hanno per combattere delle battaglie giuste.

  1. Questo singolo farà parte di un progetto più grande? Cosa puoi anticiparci?

Questo singolo fa parte di una raccolta di brani multisensoriali, da ascoltare in primis con il cuore, in secondo luogo con la mente. Per essere apprezzati totalmente vanno ascoltati al buio, a letto. Ci sono delle frequenze studiate appositamente che vanno ad agire sullo stress e sulla secrezione della serotonina.

Continue Reading

Interviste

“Chimera” il nuovo singolo di Dani White ed Intervista esclusiva

Published

on

Dal 14 gennaio 2022 sarà disponibile in rotazione radiofonica “CHIMERA” , il nuovo singolo di DANI WHITE già disponibile sulle piattaforme di streaming digitale da venerdì 7.

“Chimera” è un brano che nasce dal dolore che si vive ogni giorno, come un vuoto che pervade lo stomaco e rende incapace di agire nei momenti in cui serve davvero.

Spiega l’artista a proposito del brano: Questa canzone vuole lasciare un segno in chi cerca una distrazione, in chi come me trova in ciò che lo circonda un modo per evadere, per staccare e migliorarsi in continuazione. Non sono i giudizi della gente su chi sei, cosa fai e come lo fai a determinare la tua persona ed il tuo valore. Il tempo che ci colpisce brucia come il fuoco , l’amore, la passione, il desiderio di raggiungere quel sogno ci accompagna ogni secondo. Ed è proprio da quel dolore che decido di riemergere, tenere salde queste sensazioni, questi ricordi e usarle come energia per fare un passo successivo. Il passo decisivo.”

Il videoclip nasce da un’idea di Paolo Bianconi, e di Dani White stesso che vuole trasmettere pienamente tutte le sensazioni e gli attimi che si possono percepire a livello vibrazionale, energetico e letterale presenti nel brano. Lavorando ad un’idea ben strutturata e maniacale con uno studio di immagini, scenografia ed elementi d’impatto, i colpi di scena ed i cambi di situazione sono il punto forte del videoclip, che tiene incollato l’ascoltatore dall’inizio alla fine. Un viaggio introspettivo nel quale ci si può rispecchiare. Un progetto commerciale, molto piacevole da vedere e tutto diretto e prodotto da Paolo Bianconi. Hanno collaborato al video Davide Morelli-Dave  (direzione artistica), Amina Binda  (MUA) e Fabriloren (stylist).

Chimera” è il nuovo singolo di Dani White, al secolo Manuel Danieli, da circa quindici anni attivo nel panorama rap/hip-hop con passione e determinazione. Dopo i primi singoli su YouTube e l’esperienza fra talent e Sanremo, sceglie la via dell’indipendenza artistica consolidando il rapporto con il suo produttore The Ross.

Questo nuovo brano è infatti frutto della loro collaborazione odierna e la sperimentazione e commistione fra generi ha dato vita a un singolo del tutto inedito per sonorità, temi e stile. È lo stesso Dani White a presentarci il suo lungo percorso per conoscerlo meglio e a descriverci cosa ha voluto trasmettere con il suo nuovo singolo, primo di ben altri sette in arrivo nel corso di quest’anno. Di questo singolo esiste anche un video ufficiale diretto e prodotto da Paolo Bianconi, nato da un’idea dello stesso Dani White.

Intervista a Dani White

  1. Ciao Dani White! Il 14 gennaio è uscito in radio il tuo nuovo singolo “Chimera”. Per chi non ti conosce ancora, presentati e spiegaci come hai iniziato il tuo percorso musicale.

Piacere sono Dani, la tua nuova pop star preferita e sono qui per raccontarti di me. Il primo approccio con la musica avvenne all’incirca 15 anni fa. Iniziai a scrivere le mie prime canzoni di genere Rap-hip hop, ma da subito ho sentito l’esigenza di cantare e di inserire delle melodie in ciò che creavo. Subito dopo iniziai a registrare le mie prime canzoni con un amico che da tempo produceva, e da lì ebbe inizio un mio primo vero e proprio percorso di pubblicazione di singoli su Youtube. Pian piano, le nottate passate in studio e le poche ore di sonno iniziarono a portare i primi riscontri, le prime soddisfazioni e i primi live nei locali delle zone da Como a Milano. Col tempo, i testi e le sonorità sembravano arrivarmi come per magia e le mie canzoni risultavano sempre più uniche e riconoscibili. La musica iniziava a parlare al mio posto. Ricordo che lavoravo e dormivo 2 ore a notte, dedicavo tutto me stesso nel fare musica perché mi faceva sentire vivo e mi faceva stare bene… era un’esigenza!

Arrivò il mio primo contratto discografico con un’etichetta e decisi di abbandonare il lavoro per dedicarmi solo ed esclusivamente alla musica. I miei genitori appoggiarono la mia scelta e mi supportarono in questo mio nuovo inizio. Mi trasferii per 6 mesi fuori regione, per lavorare al mio primo vero e proprio progetto musicale. Con il produttore decidemmo di formare una band/gruppo vocale composto da 2 chitarristi e 2 voci. Provammo ad accaparrarci il palco che tanti artisti italiani sognano, quello di Sanremo.

Il nostro percorso si fermò alle prime selezioni. Per varie situazioni alla fine ci siamo divisi e abbiamo iniziato un percorso da solisti. Dal dolore che provavo riguardo a quella situazione, sembrava che riuscissi a fare uscire il meglio di me musicalmente parlando, la musica era la mia terapia e scrissi un brano pop che interessò sin da subito alle major discografiche. Mi proposero di cederlo ad artisti noti del panorama musicale, poi di portarmi a Sanremo e alla fine tra tutta questa confusione, non si fece nulla.

Decisi di rescindere il contratto discografico perché mi sentivo come una sensazione di non riuscire a respirare e tornai a Milano. Ritornai ad essere indipendente e dopo qualche mese di stop decisi di ripartire a pieno regime. Mi guardai allo specchio e dissi a me stesso che era arrivata l’ora di crearmi un mio team di lavoro e così feci. Ho creato una squadra di videomaker, una squadra di produttori e feci la mia prima struttura indipendente. Potevo lavorare a pieno regime ai miei progetti senza dipendere da nessuno. Non ci mancava nulla, e questo spirito con gli anni ci portò a diventare una delle strutture più qualitative delle zone dove si appoggiavano anche alcuni artisti noti. Provai così, da indipendente, a iscrivermi con quel famoso brano che suscitò interesse alle major, ad Area Sanremo.

Superai tutte le selezioni italiane e andai a Sanremo per 4 giorni per le selezioni definitive. Mi selezionarono tra i 200, ma poi il mio viaggio terminò. Fu un’esperienza indimenticabile che ancora oggi porto nel cuore e da quel momento mi promisi di salire un giorno non lontano su quel palco! Ad oggi la nostra struttura cura emergenti e non a livello promozionale su social, videoclip, produzioni musicali e registrazioni. Durante questo percorso musicale ed esperienze di vita vissute, ho scoperto davvero chi è Dani White e cosa vuole comunicare. Brani che colpiscono lo stomaco emozionando gli ascoltatori. Nel cassetto ci sono 7 singoli pronti a gridare a tutti chi sono.

  1. Come sei arrivato a questo nuovo singolo nel tuo percorso? Da quale esigenza è nato?

Il mio progetto nasce da una sinergia che si è creata come per magia in studio con il mio produttore The Ross, da un’esigenza di esprimere circostanze vissute in prima persona, stese in modo tale da riuscire a fare rispecchiare gli ascoltatori e da una voglia di portare una ventata di freschezza e “stranezza”, fuoriuscendo dai canoni standard di una classica canzone.

  1. Com’è nata la collaborazione con il produttore The Ross e a cosa vi siete ispirati per creare il sound di questo singolo?

La collaborazione con The Ross nasce circa 2 anni fa. Ci siamo conosciuti quasi per caso grazie a Misstake. Cercavo un produttore che potesse cucire un vestito perfetto come un sarto, alle canzoni che scrivevo. Dopo essere salito dal Molise ed essere stati una settimana a stretto contatto in studio, abbiamo capito che si era creata una certa magia. Decise quindi di trasferirsi e di iniziare questa nuova avventura curando totalmente i miei progetti e quelli di Misstake, altra artista che lavora con noi e che conosco da anni. L’ultimo singolo è nato come per magia, la prima parte ricordo che lui suonando al pianoforte mi disse di provare a mettere le cuffie e mettermi al microfono per vedere cosa poteva nascere. Le parole e le melodie uscivano da sole. Sistemai in un secondo momento il testo e concludemmo la prima parte della canzone. Il giorno seguente, sempre in studio, Ross stava producendo un arrangiamento molto carico e più aggressivo. Anche lì mi uscirono delle parole per l’attacco della prima battuta. Scattò in Ross un’idea folle di unire la base e il testo della canzone fatta il giorno prima, con quest’ultima nonostante fossero 2 generi completamente diversi e con 2 bpm differenti. A lavoro finito abbiamo capito che avevamo in mano un brano che usciva fuori dai canoni musicali esistenti e che poteva far parlare tanto, ma soprattutto che trasmetteva a pieno quello che il testo descriveva.

  1. Ho notato che il brano è diviso in due parti: una più elettronica, e una che richiama di più le sonorità urban. Serve per dividere più temi nel singolo?

Sì, esattamente, hai notato bene! L’esigenza era di descrivere una parte più emotiva e intima all’inizio e una seconda parte per trasmettere rinascita, rivalsa con un sound molto più carico.

  1. Da cosa è formato il vuoto che dici di vivere ogni giorno? Cosa blocca un giovane come te?

Diciamo che tante esperienze negative date da persone che mi circondavano, mi hanno portato ad essere molto diffidente e a soffrire, dato che sono una persona molto emotiva e che da il 1.000% a tutti. Devo dire che essendo su certi percorsi spirituali, da un po’ di tempo ho affinato le mie sensazioni riuscendo a circondarmi solo di collaboratori e situazioni positive che mi hanno portato a trovare un bell’equilibrio e una pace interiore.

  1. Nel 2022, qual è la formula per risultare credibili e vincenti nella musica, secondo te?

Essere se stessi, seppur risulti scontata come risposta, questa è l’unica formula vincente. Mi spiego meglio, le mie canzoni descrivono totalmente come sono, non hanno filtri, arrivano alla pancia e al cuore delle persone. Un tassello importantissimo è anche essere unici a proprio modo in ciò che si fa.

  1. Questo singolo è parte di un progetto più grande? Cosa puoi anticiparci?

Questo singolo è uno sfogo, è la chiusura di un capitolo e l’apertura di tante nuove storie che ho da raccontare. Dire che ho 7 singoli pronti potrebbe allettare?

Continue Reading

Interviste

Sakküra: “Gli anime sono il mezzo attraverso cui cerco di trasmettere un messaggio”

Published

on

Intervista a Sakküra, fuori da poco su tutte le piattaforme digitali con il nuovo singolo “Wall Maria”

Come si evince dal video di “Wall Maria” sei un grande appassionato di anime. Come riesci a trasporre questa tua passione nella musica?

Gli anime sono il mezzo attraverso cui cerco di trasmettere un messaggio. Li utilizzo per fare metafore che possano essere il più possibile comprensibili da tutti e che possano lasciare un segno in chi ascolta. Cerco di selezionare gli anime in base a quello di cui voglio parlare e li adatto allo scopo, miscelandoli anche con altri anime, se necessario, per creare una storia.

Qual è stato il tuo primissimo approccio alla musica quando eri piccolo? La tua famiglia ha contribuito ad alimentare questa tua passione?

La mia famiglia mi ha sempre spinto a coltivare la passione per la musica, mia madre soprattutto. Entrambi i miei genitori hanno contribuito a creare il mio background musicale, basato principalmente su musica degli anni ’70, ’80 e ’90. Da piccolo ho suonato sia la chitarra classica che quella elettrica poi, da autodidatta. Poi a 16 anni circa è subentrato il beatbox e con la loopstation ho iniziato a creare le mie prime basi amatoriali.

Parlaci della tua esperienza su Tik Tok. Come ci sei entrato in contatto?

Sono entrato su Musically poco prima che diventasse Tik Tok, avevo visto una pubblicità su You Tube di un content creator che portava video di beatbox ed ho voluto provare a farlo anch’io. La mia esperienza su Musically e poi su Tik Tok varia, va da contenuti di beatbox ad altri umoristici, fino alle mie attuali canzoni.

Quali sono i rapper a cui ti sei ispirato maggiormente agli albori del tuo percorso?

Non ho preso ispirazione da altri rapper, il mio obiettivo è sempre stato quello di portare uno stile che fosse il più innovativo possibile e che potessi identificare come completamente mio.

Continue Reading

Trending

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.