Connect with us

Interviste

“I’M IN” l’ep di Gabbo (Cor Veleno) | Leggi l’intervista

Published

on

“I’m in” evidenzia diversi aspetti dellʼamore con la leggerezza del funk, alternato da jazz e rap che definiscono il mood e la personalità che caratterizzano il musicista.

Gabbo è al suo esordio solista dopo una lunga carriera ventennale che tra le tante lo ha portato ad essere membro dei Cor Veleno (dal 2006). Al fianco di Gabbo è presente come co-produttore Squarta in tutte le tracce e in tre episodi compare la talentuosa e giovane penna di Ugo Crepa. Questo progetto è la prima uscita discografica che sancisce la collaborazione tra il duo di produttori Gabbo e Squarta con Blackcandy Produzioni.

“Questo progetto mi ha dato la possibilità di esternare il mio immenso amore per il funk e per il mio strumento, il basso, mantenendo forte la presenza del rap, che in questi anni mi ha dato moltissimo e ho voluto fare tutto questo insieme ad amici che amo e stimo, mio fratello Squarta e il giovane e forte Ugo Crepa” spiega Gabbo a proposito del nuovo lavoro discografico.

Tracklist “I’m In” di Gabbo

G. On The Bass (live intro)

Tinder feat. – Ugo Crepa

‘Pronto?!ʼ –  feat. Ugo Crepa

7A7

Davis e Miller (Funk Session) – feat. Ugo Crepa

Intervista esclusiva a Gabbo

Che tu sia un novello di questa musica o un appassionato, Gabbo è sicuramente l’artista che devi conoscere se vuoi capire l’intero movimento, ed è per questo che per noi di Clubhiphop.it è un onore averlo potuto intervistare per il lancio del suo primo lavoro da singolo.

Iniziamo con una domanda che riguarda il tuo background. Come ti sei avvicinato, da musicista, al rap e più in generale all’hip hop? Che tipo di esperienze ricordi che ti hanno messo direttamente in contatto con questa cultura? Tiriamo fuori gli aneddoti…

Era un periodo in cui, con la band con cui suonavo a quei tempi, frequentavamo un locale di Trastevere molto figo, tra l’altro di proprietà di uno dei componenti della band. Lì ci si incontrava, si suonava, si “jammava” e nascevano cose “magiche”, come l’incontro e le jam che mi hanno segnato di più: quelle con Primo e Grandi Numeri, di cui ora conoscete tutta l’evoluzione.

Ecco, questo il mio approccio a questa cultura meravigliosa che fino ad allora era a me quasi estranea.

Sarà una domanda strana, ma perché hai scelto proprio il basso come strumento? Cosa ti lega al suo suono?

Il basso è magico. L’ho scelto perché molta della musica che mi ritrovavo ad ascoltare in casa aveva delle linee di basso stratosferiche, basta pensare ai Weather Report con il leggendario Jaco Pastorius, gli Earth Wind & Fire con Verdine White, macchina da groove vera, o anche James Brown, Parliament con il supremo Bootsy Collins, Marvin Gaye con il geniale James Jamerson ecc.

Insomma, come potete immaginare, sarebbe stato impossibile non innamorarmi del basso con dei genitori che ascoltavano questa musica.

Quali artisti ricordi essere stati fondamentali per la tua formazione? Dagli ascolti, ad artisti che magari hai conosciuto e con cui hai lavorato…

Quelli che ho appena citato, tutti, mi hanno influenzato molto, praticamente li ascolto da sempre e per questo ringrazio i miei per avermeli fatti conoscere ed amare.

Per averli “vissuti”, invece, sicuramente i Cor Veleno, veri numeri uno del Rap e Massimo Moriconi (bassista tra i tanti anche di Mina e Chet Baker) che è un vero fuoriclasse, con il quale ho un rapporto di “amore musicale” e stima personale profondo. Lui mi ha insegnato molto, musicalmente ed umanamente.

Un grazie va comunque a tutti gli artisti con i quali ho collaborato, perché da tutti ho appreso qualcosa.

Com’è far parte di una formazione storica come i Cor Veleno?

Per me un onore. Persone artisticamente ed umanamente grandi. L’avermi dato la possibilità di essere membro della band è stato per me emozionante perché ho colto in questo gesto la loro stima nei miei confronti e li ringrazio tantissimo.

Da qui mi aggancio al tuo socio e compare per questo tuo primo ep “I’m In”: Squarta. Come è iniziato il vostro sodalizio a quattro mani?

Eh… Tutto parte da “Leggenda”, la prima delle tante produzioni fatte insieme che ha dato il “La” alla nostra unione come Squarta & Gabbo producers.

Con mio fratello, perché questo è per me, lavoro benissimo. Ci completiamo perfettamente.

Voi che avete fondato anche il Rugbeats Studio: che aria tira a Roma per quanto riguarda le nuove produzioni? Avete individuato qualche nuovo artista di talento?

C’è molto nell’aria e questo potrete già capirlo dalle varie prossime uscite. Per ora ve ne posso nominare uno che già conoscete… 😉

Fra questi c’è Ugo Crepa sicuramente che partecipa anche al tuo Ep. Che pensieri vi siete scambiati per scrivere questi brani?

Ecco appunto Ugo Crepa, vero talento, molto versatile, una gran penna e non solo ovviamente. Quando ho chiesto a lui di partecipare ad “I’M IN” avevamo esattamente la stessa idea di cosa fare nel progetto “Gabbo”, essere molto “easy”, sia nei testi che nell’interpretazione. Ed è stato bravissimo, non avevo dubbi su questo.

Come mai hai scelto l’amore come tema portante del progetto?

Ci ispirava, a me e a Ugo in primis, e Squarta ci ha appoggiato 😉

Sei un produttore e un musicista con alle spalle anni e anni di formazione, ma siamo in un’epoca in cui con qualche tutorial si può imparare a produrre anche online. Che opinione hai al riguardo? Consigli per chi si vuole approcciare al mondo della produzione musicale?

Sai, io ancora oggi studio molto e mi piace farlo. Lo faccio in molti modi, in maniera tradizionale e in modo più moderno.

Sui tutorial on line posso dire che, se usati nel giusto modo possono aiutare, ma non avendo la possibilità di interagire con chi li fa in realtà potrebbero anche provocare l’effetto opposto, quindi attenzione, tutto qui.

Cosa succederà dopo “I’m In”?

Dal punto di vista personale, non credo rimarrà un progetto singolo… Per quanto riguarda i Cor Veleno stiamo già scaldando i motori, come avrete capito! Poi tanta tanta roba, magari anche qualcosa che neanche vi aspettereste😉

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Interviste

“Nuovo Bellini” L’Elfo ft Don pero | Intervista Esclusiva

Published

on

L’Elfo feat. Don Pero: Nuovo Bellini – I due nomi del momento della scena siciliana in una connection Catania-Siracusa che unisce tutta la Sicilia

Su tutte le piattaforme digitali e su YouTube con il videoclip ufficiale, NUOVO BELLINI , è il nuovo brano firmato dall’artista catanese L’ELFO featuring DON PERO, pubblicato per Magnitudo (powered by Time Records).

NUOVO BELLINI rappresenta un importante tassello per l’intera scena urban siciliana. Questo brano, infatti, segna la collaborazione tra due degli esponenti più in vista della Sicilia in una connection Catania-Siracusa. L’Elfo e Don Pero, rispettivamente, il più affermato e apprezzato artista catanese e la brillante giovane stella siracusana, riuniscono l’isola in un brano che testimonia l’altissimo livello degli artisti siciliani e che pone, ancora una volta, la Sicilia in una posizione d’avanguardia nella scena urban nazionale.

Su una curatissima produzione di 808 Supernova & Achillegx, che miscela sapientemente le sonorità drill con un sound più oldschool, Don Pero con il ritornello e L’Elfo con le sue strofe, si alternano sul beat con disinvoltura in un fitto schema tensivo. La poetica dei versi de L’Elfo è diretta ed ispirata, in questo brano che celebra il percorso e la struggle del rapper e, che omaggia il sommo compositore catanese Vincenzo Bellini attraverso una similitudine tra l’importanza della sua figura storica per la Sicilia e quella dell’affermato artista nel presente.

Con NUOVO BELLINI , L’Elfo torna con una nuova collaborazione a sole due settimane dalla pubblicazione del brano insieme a Laioung e Max Il Nano, Non Vedo Non Sento Non Parlo, continuando a sfornare nuove liriche, con un ritmo impressionante, in questo 2022.

Intervista a L’Elfo

Ciao Luca bentornato qui su Club Hip Hop! “Nuovo Bellini” è il tuo nuovo singolo,
come nasce questo brano?


Ciao ragazzi e grazie! Ho proposto un pezzo drill a modo mio, tutto qua, che non avesse il
classico sound che hanno tutti, ma che facesse emergere il mio stile.

Cosa ti ha ispirato della figura dell’iconico compositore catanese a cui è dedicato il
titolo?
Ho associato la figura di Vincenzo Bellini alla mia, per via dell’importanza musicale nella mia
città: spero un giorno di arrivare ad essere considerato per Catania un artista importante
come Vincenzo Bellini, magari faranno un piatto con il nome di un mio pezzo.

Il brano ospita anche un featuring. Come mai hai chiamato Don Pero su questa
traccia?

Il pezzo aveva bisogno di freschezza e Don Pero è stato perfetto, è giovane, ha talento e
carisma.. in più è freschissimo.

Hai delle date live in programma in questa stagione estiva?
Yes! Sempre. Seguite le storie sul mio canale Instagram! 🙂

Dopo Milord Ep e le ultime collaborazioni insieme ad altri nomi di spicco della scena,
cos’altro ci dobbiamo aspettare da te in questo 2022?

Un disco importante, il mio primo lavoro ufficiale dopo la mia brutta esperienza in ospedale.

Continue Reading

Interviste

“Ansia” il nuovo singolo di Rafel

Published

on

Rafel _Su tutte le piattaforme digitali il nuovo singolo dell’artista cagliaritano racconta uno stato emotivo che lo ha accompagnato in un particolare periodo della sua vita.docx

Su tutte le piattaforme digitali e accompagnato dal videoclip ufficiale su Youtube, è disponibile, ANSIA, il nuovo singolo dell’ artista cagliaritano RAFEL, con la direzione artistica di MADE4FAME e distribuito da SMAYRA Publishing srl.

ANSIA si presenta come un nuovo tassello nel percorso dell’artista che, dopo le sue ultime release da solista, LO STESSO e Ho Scritto Fine, pubblicate tra il 2020 e il 2021, torna con un nuovo brano dedicato ad un periodo particolare del suo vissuto. Come acclara il titolo, questo stato d’animo è il protagonista di questo episodio della vita dell’autore, che racconta come questa condizione abbia preso, in quel momento, il sopravvento sulla sua esistenza.

In questo nuovo singolo, l’artista si espone in prima persona puntando i riflettori su un fenomeno molto diffuso ma al contempo sottovalutato e di cui, spesso, si trascurano effetti e danni.

Sulle sonorità che fondono influenze club e urban della produzione di Dany De Santis, Rafel alterna con disinvoltura canto e rap intrecciando linee melodiche e metriche fitte sul ritmo trascinante della base. Il brano risulta particolarmente immersivo grazie alle capacità interpretative dell’artista e all’atmosfera del beat che fa da perfetta cornice ai versi del brano.

Con ANSIA, Rafel dimostra, ancora una volta, la sua versatilità nel saper declinare il suo stile su qualunque tipo di sound trasportando l’ascoltatore nel suo ricco immaginario.

Mix e Master del brano sono a cura di Dany De Santis, mentre l’artwork del progetto porta la firma di Luca Pinotti.

Intervista a Rafel

Ciao Rafel, benvenuto! “Ansia” è il tuo nuovo singolo, come nasce questo brano?

Grazie a voi! Ansia è nata assieme a Dani e a Sciaron di Made4Fame.

L’incipit del brano è sorto spontaneamente da una mia esigenza: volevo qualcosa di nuovo e di ritmato su cui potessi raccontare ciò che ha cambiato il mio modo di vedere il mondo.

I tuoi brani presentano sonorità molto eterogenee che, spesso, miscelano i generi club, pop e urban. C’è un sound su cui ti senti più a tuo agio?

Mi sento a mio agio su ogni genere. Penso che mettendo un limite alla musica, si rischia di mettere un limite ai pensieri e a quello che è possibile fare nella vita. Non studio a tavolino “la cosa che funziona”, tutto quello che riporto nei miei brani fa parte del mio vissuto e del mio quotidiano.

Dalla sardegna a Milano. Quanto è stato importante per il tuo percorso musicale il tuo trasferimento?

La Sardegna è parte di me. Penso sia così per la maggior parte dei sardi: sentire questo forte senso di appartenenza ancor prima di sentirsi italiani. È sicuramente un aspetto importante per me, al contempo però, Milano è diventata altrettanto casa mia. Me lo sono tatuato sulla pelle: “Non è dove vai, ma chi trovi”

Che musica ascolta Rafel?

Chi mi segue sa che sono un grandissimo fan dei Thirty Seconds To Mars e dei Muse.

A queste influenze, si aggiungono un po’ di musica  gospel, hip hop e rock anni 70/80. Inoltre, ogni settimana ascolto le nuove uscite del panorama musicale per cercare qualcosa di nuovo da aggiungere alla mia playlist. 

Ci sono dei nomi  nel panorama nazionale con cui ti piacerebbe collaborare?

Ovviamente. Mi piacciono molto Salmo, Mengoni e, ultimamente, anche Fedez e Rkomi. Laura Pausini è fantastica e anche Elodie ha delle sonorità che mi piacciono parecchio… Ma il featuring dei sogni sarebbe con Renato Zero.

Quale, o quali, dei tuoi altri  brani ci consiglieresti per conoscere meglio la tua musica?

Vi consiglio questo brano ed il mio prossimo…Questa risposta è sempre valida, anche per il futuro.

Puoi rivelarci qualcosa sui tuoi prossimi progetti?

Avete appena ascoltato “Ansia” e, come nella vita, ogni stato emotivo ha una sua specifica conseguenza…Non ci sono segreti attorno alla mia musica, ma vi lascio comunque con un indizio: qual è la conseguenza dell’ansia?

Continue Reading

Interviste

Gli Empiel presentano Amsterdam: “Il nostro singolo tra musica araba e francese”

Published

on

“Amsterdam è il nostro singolo estivo dal sound fresco che sa di Francia”.

Dall’8 luglio 2022 è disponibile in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme di streaming “Amsterdam” (Kimura), il nuovo singolo degli Empiel.

Il video di “Amsterdam” per la regia di Adrian Scerbina di Vivo Rec Film descrive la storia d’amore di una coppia accostata al contesto delle case popolari. Le riprese si sono svolte tra il quartiere di Casteldebole e il luna park di Bologna.

Ciao ragazzi benvenuti, avete pubblicato da poco “Amsterdam”, il vostro nuovo singolo. Quali sono le vostre emozioni? Cosa vi aspettate?

Siamo molto carichi, la canzone piace e come secondo singolo le nostre aspettative sono buone visto che il video è una bomba.

Com’è nata l’idea del brano?

Fumando marijuana in studio, volendo paragonare Amsterdam a Bologna, dopo un po’ è nata la canzone

“Amsterdam” è un brano che, come sottolineato da voi in primis, si ispira al sound fresco del rap marsigliese. Come nasce questa ispirazione?

Essendo ascoltatori di musica francese e araba abbiamo cercato di creare un sound che si basasse sui nostri stili preferiti.

Avete nuovi progetti pronti da pubblicare?

Stiamo lavorando a progetti nuovi ma per ora no spoiler

Empiel: Instagram

Flow Murry: Instagram

Biggthug: Instagram

Continue Reading

Trending

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.