Connect with us

Interviste

“I’M IN” l’ep di Gabbo (Cor Veleno) | Leggi l’intervista

Published

on

“I’m in” evidenzia diversi aspetti dellʼamore con la leggerezza del funk, alternato da jazz e rap che definiscono il mood e la personalità che caratterizzano il musicista.

Gabbo è al suo esordio solista dopo una lunga carriera ventennale che tra le tante lo ha portato ad essere membro dei Cor Veleno (dal 2006). Al fianco di Gabbo è presente come co-produttore Squarta in tutte le tracce e in tre episodi compare la talentuosa e giovane penna di Ugo Crepa. Questo progetto è la prima uscita discografica che sancisce la collaborazione tra il duo di produttori Gabbo e Squarta con Blackcandy Produzioni.

“Questo progetto mi ha dato la possibilità di esternare il mio immenso amore per il funk e per il mio strumento, il basso, mantenendo forte la presenza del rap, che in questi anni mi ha dato moltissimo e ho voluto fare tutto questo insieme ad amici che amo e stimo, mio fratello Squarta e il giovane e forte Ugo Crepa” spiega Gabbo a proposito del nuovo lavoro discografico.

Tracklist “I’m In” di Gabbo

G. On The Bass (live intro)

Tinder feat. – Ugo Crepa

‘Pronto?!ʼ –  feat. Ugo Crepa

7A7

Davis e Miller (Funk Session) – feat. Ugo Crepa

Intervista esclusiva a Gabbo

Che tu sia un novello di questa musica o un appassionato, Gabbo è sicuramente l’artista che devi conoscere se vuoi capire l’intero movimento, ed è per questo che per noi di Clubhiphop.it è un onore averlo potuto intervistare per il lancio del suo primo lavoro da singolo.

Iniziamo con una domanda che riguarda il tuo background. Come ti sei avvicinato, da musicista, al rap e più in generale all’hip hop? Che tipo di esperienze ricordi che ti hanno messo direttamente in contatto con questa cultura? Tiriamo fuori gli aneddoti…

Era un periodo in cui, con la band con cui suonavo a quei tempi, frequentavamo un locale di Trastevere molto figo, tra l’altro di proprietà di uno dei componenti della band. Lì ci si incontrava, si suonava, si “jammava” e nascevano cose “magiche”, come l’incontro e le jam che mi hanno segnato di più: quelle con Primo e Grandi Numeri, di cui ora conoscete tutta l’evoluzione.

Ecco, questo il mio approccio a questa cultura meravigliosa che fino ad allora era a me quasi estranea.

Sarà una domanda strana, ma perché hai scelto proprio il basso come strumento? Cosa ti lega al suo suono?

Il basso è magico. L’ho scelto perché molta della musica che mi ritrovavo ad ascoltare in casa aveva delle linee di basso stratosferiche, basta pensare ai Weather Report con il leggendario Jaco Pastorius, gli Earth Wind & Fire con Verdine White, macchina da groove vera, o anche James Brown, Parliament con il supremo Bootsy Collins, Marvin Gaye con il geniale James Jamerson ecc.

Insomma, come potete immaginare, sarebbe stato impossibile non innamorarmi del basso con dei genitori che ascoltavano questa musica.

Quali artisti ricordi essere stati fondamentali per la tua formazione? Dagli ascolti, ad artisti che magari hai conosciuto e con cui hai lavorato…

Quelli che ho appena citato, tutti, mi hanno influenzato molto, praticamente li ascolto da sempre e per questo ringrazio i miei per avermeli fatti conoscere ed amare.

Per averli “vissuti”, invece, sicuramente i Cor Veleno, veri numeri uno del Rap e Massimo Moriconi (bassista tra i tanti anche di Mina e Chet Baker) che è un vero fuoriclasse, con il quale ho un rapporto di “amore musicale” e stima personale profondo. Lui mi ha insegnato molto, musicalmente ed umanamente.

Un grazie va comunque a tutti gli artisti con i quali ho collaborato, perché da tutti ho appreso qualcosa.

Com’è far parte di una formazione storica come i Cor Veleno?

Per me un onore. Persone artisticamente ed umanamente grandi. L’avermi dato la possibilità di essere membro della band è stato per me emozionante perché ho colto in questo gesto la loro stima nei miei confronti e li ringrazio tantissimo.

Da qui mi aggancio al tuo socio e compare per questo tuo primo ep “I’m In”: Squarta. Come è iniziato il vostro sodalizio a quattro mani?

Eh… Tutto parte da “Leggenda”, la prima delle tante produzioni fatte insieme che ha dato il “La” alla nostra unione come Squarta & Gabbo producers.

Con mio fratello, perché questo è per me, lavoro benissimo. Ci completiamo perfettamente.

Voi che avete fondato anche il Rugbeats Studio: che aria tira a Roma per quanto riguarda le nuove produzioni? Avete individuato qualche nuovo artista di talento?

C’è molto nell’aria e questo potrete già capirlo dalle varie prossime uscite. Per ora ve ne posso nominare uno che già conoscete… 😉

Fra questi c’è Ugo Crepa sicuramente che partecipa anche al tuo Ep. Che pensieri vi siete scambiati per scrivere questi brani?

Ecco appunto Ugo Crepa, vero talento, molto versatile, una gran penna e non solo ovviamente. Quando ho chiesto a lui di partecipare ad “I’M IN” avevamo esattamente la stessa idea di cosa fare nel progetto “Gabbo”, essere molto “easy”, sia nei testi che nell’interpretazione. Ed è stato bravissimo, non avevo dubbi su questo.

Come mai hai scelto l’amore come tema portante del progetto?

Ci ispirava, a me e a Ugo in primis, e Squarta ci ha appoggiato 😉

Sei un produttore e un musicista con alle spalle anni e anni di formazione, ma siamo in un’epoca in cui con qualche tutorial si può imparare a produrre anche online. Che opinione hai al riguardo? Consigli per chi si vuole approcciare al mondo della produzione musicale?

Sai, io ancora oggi studio molto e mi piace farlo. Lo faccio in molti modi, in maniera tradizionale e in modo più moderno.

Sui tutorial on line posso dire che, se usati nel giusto modo possono aiutare, ma non avendo la possibilità di interagire con chi li fa in realtà potrebbero anche provocare l’effetto opposto, quindi attenzione, tutto qui.

Cosa succederà dopo “I’m In”?

Dal punto di vista personale, non credo rimarrà un progetto singolo… Per quanto riguarda i Cor Veleno stiamo già scaldando i motori, come avrete capito! Poi tanta tanta roba, magari anche qualcosa che neanche vi aspettereste😉

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Interviste

Intervista a Secco | Dopo Gargoyle, quale futuro?

Published

on

Abbiamo intervistato Secco, dopo l’uscita del brano Gargoyle feat Nerone, abbiamo avuto il piacere di scambiare due chiacchiere con l’artista.

1. Ciao Secco e benvenuto su Clubhiphop.com! Il tuo nuovo singolo si intitola “Gargoyle”, come nasce questa traccia?

Non so esattamente come rispondere poiché questa traccia è nata in modo spontaneo e semplicemente dalla voglia di fare musica. Avevo questo beat di Bella Espo su cui avevo fatto una strofa, l’ho fatta ascoltare a Max e si è gasato, così ha deciso di metterci sopra una strofa anche lui. Successivamente ho coinvolto anche DJ Lil Cut per gli scratch ed ecco la traccia.

2. Con Nerone siete soci di vecchia data oltre che entrambi membri della Microfili crew, ci parleresti di questa realtà?

Si, con Nerone siamo amici da molto tempo e insieme ne abbiamo viste di cotte e di crude. È stato proprio lui a presentarmi e a far sì che mi unissi ai Microfili. Attualmente la crew non è più attiva, anche se siamo rimasti tutti amici, ognuno ha intrapreso il suo percorso artistico e professionale.

3. Negli ultimi anni hai pubblicato due mixtape e hai preso parte a numerose collaborazioni con svariati artisti, in questo momento a cosa stai lavorando?

Oltre ai due mixtape ho anche pubblicato un ep di 8 tracce. A breve, invece, uscirà un nuovo disco composto da 9 brani e di cui “Gargoyle” è il primo singolo estratto. In cantiere ha anche ulteriori progetti ma è ancora troppo presto per parlarne.

4. Qual è il tuo rapporto con la label Chandelier Music?

Ho conosciuto la label Chandelier Music tramite un’amicizia comune. Inizialmente ho cominciato a registrare da loro perché erano in una posizione molto comoda per me. Poi, nonostante si siano trasferiti nel nuovo studio più lontano, data la loro qualità professionale ed il feeling che si era creato, ho continuato ad affidarmi a loro.

5. Quali sono i brani nella tua discografia che definiresti più rappresentativi del tuo percorso artistico?

Non credo di avere ancora un brano che potrei definire così rappresentativo. Sicuramente però il nuovo disco che sta per uscire è il progetto che fino ad ora sento più mio sul piano artistico e personale.

6. Ci sono degli artisti della scena nazionale con cui ti piacerebbe collaborare ma con i quali non hai ancora avuto l’occasione?

Beh sicuramente… Ci sono tanti artisti che mi piacciono con cui non ho ancora collaborato. Penso, però, che prima di fare una collaborazione sia fondamentale conoscersi di persona e creare un rapporto.

Continue Reading

Interviste

Aka Steve: “É importante essere consapevoli di chi siamo”

Published

on

Dal 14 ottobre 2022 sarà disponibile in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme di streaming “Per Sempre” (Kimura), il nuovo singolo di AKA STEVE.

“Questo brano l’ho scritto per esprimere la fatica e il sudore che si devono dare alla vita di ogni giorno, e l’impegno costante nel provare a realizzare i propri sogni. Tutto ciò che ero, che sono e che sarò fa parte di me e rimarrà per sempre nella mia anima sia le cose brutte che quelle belle. Secondo il mio parere, ognuno di noi ha dovuto affrontare qualcosa di pesante e difficile da dimenticare e quindi ci tenevo a fare una canzone che rappresentasse la fatica ma anche la forza di volontà nel rammentarsi che non bisogna mai mollare e che tutto quello che superi ti rende più forte”.

Ciao Steve, “Per sempre” è finalmente fuori. Da quanto tempo ci lavoravi?

Ho lavorato per circa un mese alla produzione del brano.

Nonostante la giovane età dimostri già tanta maturità per quanto riguarda la scrittura. Oltre alla predisposizione naturale quanto è importante l’allenamento?

L’allenamento è una delle parti più importanti perché oltre ad aiutarti a scrivere meglio ti rende più sicuro e di conseguenza i brani risultano più elaborati.

Che messaggio vorresti comunicare ai tuoi ascoltatori con questo nuovo pezzo?

Con questo brano volevo comunicare ai miei ascoltatori che è importante essere consapevoli di chi siamo, delle esperienze che abbiamo vissuto e che ci forgiano. Ma soprattutto bisogna sempre impegnarsi e lavorare duro per raggiungere i propri obiettivi. Tutto questo rimarrà per sempre parte del viaggio.

Le produzioni dei tuoi singoli sono sempre molto varie. Questa volta come siete arrivati al prodotto finale? Ci puoi raccontare come sei arrivato al beat di “Per sempre”?

Il beat o strumentale è stato elaborato da un ragazzo con cui ho iniziato di recente a collaborare avendo condiviso le mie idee con le sue siamo riusciti a creare la base.

Continue Reading

Interviste

“Warhol Con Marilyn” il nuovo singolo di Nyko Ascia

Published

on

NYKO ASCIA torna dal 13 ottobre 2022 con il nuovo singolo WARHOL CON MARILYN.
Dopo il suo ultimo album “Schiavi Di Noi Stessi”, pubblicato nel 2021, l’artista alessandrino rompe il suo silenzio durato più di un anno con un nuovo singolo.


“Warhol con Marilyn” si presenta come un brano dalla forte spinta liberatoria, attraverso il quale, Nyko Ascia sfodera le sue strofe al vetriolo in puro stile real rap. Tra punchline ricche di riferimenti al mondo dell’arte, del cinema e della cronaca, non manca una vena critica nei confronti della società attuale, rivolta, in particolare, ad un sistema logoro ed incapace di trasmettere valori positivi.


Su una produzione firmata da Dualed, Nyko Ascia cavalca il beat dalle sonorità urban con lo stile tagliente che da sempre lo contraddistingue. Le barre del rapper culminano nel ritornello dall’attitudine hip hop ed irriverente che suona come un coro di sfida e di rivalsa.
“Warhol con Marilyn” segna un momento particolare nel percorso artistico di Nyko Ascia che, dopo un lungo periodo di riflessione, torna sulla scena per dare voce non solo ai suoi pensieri ma anche alla sua comunità ed alla sua città. L’artista presta così, ancora una volta, la sua penna e le sue iniziative a sostegno della realtà di Alessandria e della sua gente.


Mix e mastering del brano sono a cura di Alesound Production.


Intervista a Nyko

Ciao Nyko, benvenuto su Clubhiphop.it! Dopo un anno di silenzio sei tornato con il singolo “Warhol Con Marilyn”. Come nasce questa release?

Ciao a tutte e tutti. Grazie mille per lo spazio. Warhol con Marilyn è un singolo su cui sono al lavoro da un po’ di tempo insieme ai miei fedelissimi producer (il duo “Dualed”). Già ad aprile avevo registrato i primi “provini” del brano e poi nel corso dei mesi abbiamo ritoccato e ottimizzato il brano.

Mi piace definire la release una “punchline track”. Beat aggressivo, rime e liriche grezze e dirette ma mai banali. Credo di poter dire che questo sia ormai il mio stile; cerco sempre di essere originale, ovviamente ispirandomi ai grandi rapper che sono stati la colonna sonora della mia vita fin qui, ma senza scimmiottare nessuno.

2 Durante il tuo percorso artistico hai militato in diverse formazioni tra cui la tua attuale crew Seri-Al Rappers. Puoi parlarci di questa realtà?

Seri-Al Rappers è una crew di Alessandria che ho fondato insieme ad altri ormai 10 anni fa. Dal 2012 al 2015 abbiamo calcato molti palchi italiani. Il primo (e al momento unico) album prodotto come crew risale al 2017 ed è intitolato “Dream Sellers”. Al momento siamo fermi come gruppo a livello discografico e di produzione, proseguono però i progetti solisti di alcuni membri, supportati ovviamente da tutti i componenti. Oltre ai miei prodotti come solista posso consigliarvi l’ascolto di “Sete” l’ultimo singolo di “Blanki” uscito nel 2021.

3 La tua città è Alessandria. Rispetto ad altri centri in Italia pensi che sia una realtà che può dare delle possibilità ad un artista o, in quanto tale,  ti senti svantaggiato rispetto a chi vive per esempio in contesti metropolitani?

 Sarei bugiardo a dire che non mi sono mai sentito svantaggiato rispetto a chi viene da realtà più grandi. Credo anche, però, che spesso dalle piccole realtà possono nascere grandi cose e grandi progetti. Se si riesce a emergere da una città come Alessandria è sicuramente un risultato pienamente meritato.

4 Consiglieresti ai nostri lettori tre dei tuoi brani per conoscere meglio la tua musica?

Consiglierei l’ascolto di questi tre brani, oltre a warhol con marilyn:

Al mattino

Il meglio per te

Interessi

5 Progetti per il futuro? Puoi spoilerarci qualcosa?

Sono al lavoro su nuovi brani. Lavorare solo pubblicando dei singoli “mi sta un po’ stretto” e sono un affezionato delle “copie fisiche”. Credo che fra qualche mese potrò dire con certezza di essere nuovamente al lavoro su un disco ufficiale.

Continue Reading

Trending

Copyright © 2022 ClubHipHop. elab13.it Project, powered by WordPress.