Connect with us

Magazine

I 10 rapper più ricchi

Published

on

Una delle ricerche più comuni nel web per gli amanti del rap è sicuramente la ricerca del patrimonio personale dei vari rapper, i rapper sono spesso visti come personaggi che hanno svoltato dalla situazione di miseria iniziale per fare un business vero e proprio, ecco perché molte riviste come Forbes, ogni anno pubblicano la lista delle celebrità più ricche nel proprio settore di appartenenza, questo deve essere anche uno stimolo per i giovani che si avvicinano ad una coltura o ad un lavoro, mostrando loro il potenziale economico che si cela dietro ad un lavoro eseguito come dio comanda.

Il patrimonio dei rapper più ricchi del mondo ovviamente non accomuna solo gli ingressi derivanti alla musica, come abbiamo potuto notare con il King Guè, maestro nella diversificazione delle entrate e dei business, anche in America i rapper una volta alle stelle cercano di differenziare le fonti di ingresso del loro patrimonio, questo perché a meno di casi particolari, molte volte la fama dura una decina di anni e ti permette di mettere da parte cifre ragguardevoli che però, vengono spese molto velocemente se il tenero di vita non si riduce al calare degli introiti.

i 10 rapper più ricchi del mondo

Non è un segreto che l’industria del rap è un’impresa da miliardi di dollari, e questi rapper sanno come ottenere i loro. I soldi nell’hip hop non si limitano alle vendite di dischi e ai tour di concerti, ma provengono anche dalle sponsorizzazioni e dagli investimenti imprenditoriali.

Una volta il rap era considerato una professione “marginale” ma è diventato più mainstream come arte liricaforma.

Nel 2012 Forbes ha riportato che l’hip hop ha generato quasi 600 milioni di dollari di entrate solo dalla vendita di biglietti, musica e merchandise. Questa cifra non include il reddito guadagnato da investimenti o altre iniziative commerciali oltre alle vendite di album.

10) Ice Cube

Ice Cube è uno dei rapper di maggior successo in America, con 11 Grammy Awards e tre decenni di successi al suo attivo.

La sua carriera è iniziata quando ha unito le forze con altri aspiranti musicisti per creare CIA – che alla fine sarebbe diventato NWA dopo che sono stati abbandonati dalla loro etichetta discografica a causa di controversie complete sul contenuto che è stato considerato troppo violento per la musica passata in radio al momento (Questo li ha portati a creare brani più calmi e più radio friendly)

09) Snoop Dogg

Il valore netto di Snoop è di 150 milioni di dollari, una cifra veramente monster se pensate al classico brand personale.

È stato premiato con molteplici Grammy Awards, e il suo album “Beautiful” è stato nominato per due classifiche Billboard Top 200, incluso il posto numero uno nella colonna sonora di Bubba Kush che lo ha fatto diventare uno dei progetti solisti di Dr. Snoop.Dre, insieme a molti altri riconoscimenti, come l’aver venduto ventitré milioni di album solo in America, con vendite in tutto il mondo che superano i trentacinque milioni dal 1992, debutta al cinema l’anno scorso interpretando se stesso di fronte a Kendrick Lamar (in Compton)

08) Usher

Usher è un cantante, cantautore e attore. I suoi album hanno venduto milioni di copie; 43 milioni per essere esatti! È uno dei rapper più ricchi d’America con una facile spiegazione del perché una volta che si guardano queste statistiche – non si può fare a meno di farne venire voglia anche a qualcun altro dopo aver visto quanti soldi stanno facendo con la loro musica o i loro video solo per la fama su YouTube (o forse anche solo per il duro lavoro).

07) Master P

Se pensavi che i rapper fossero solo rapper, allora ripensaci. Questa lista include persone che non solo parlano, ma anche cantano e ballano!
Un rapper americano di nome Percy Robert Miller ci ha mostrato cosa è possibile fare quando si tratta di combinare l’intrattenimento con le capacità imprenditoriali, dato che è passato dall’essere un attore, autore/scrittore (cosa che tutti dovremmo essere), musicista-imprenditore di basket e impegnato a diventare una delle persone più impegnate di Hollywood oggi.

06) Eminem

Come artista hip hop bianco, Eminem è stato soggetto all’odio razziale per tutta la sua carriera in un ambiente quello americano che ha sicuramente associato il rap solo agli afroamericani.

Era uno dei pochi rapper che si esibiva in spettacoli a Detroit in quel periodo in cui c’erano pochissimi artisti afroamericani che lo facevano – il che lo faceva risaltare ancora di più perché non tutti potevano identificarsi con l’essere di un’altra razza o gruppo di sesso; specialmente se sei anche di classe media come Eminem!


Un altro problema che lo ha colpito, come i ragazzi più giovani probabilmente capiranno meglio della maggior parte degli adulti, il bullismo a scuola che sicuramente ne ha condizionato l’adolescenza e le scelte future.

Ad oggi il patrimonio di Marshall Mathers è calcolato i 210 milioni di dollari, cifre importanti ma che sono sicuramente inferiori ai guadagni che avevamo pensato per Eminem.

05) Drake

Il 32enne canadese sta rapidamente diventando una forza da tenere in considerazione nell’hip hop. La sua fortuna è cresciuta del 50% nell’ultimo anno, alimentata principalmente da investimenti che vanno dal settore immobiliare al suo marchio di whisky Virginia Black, nonché un programma di tour impressionante e la nuova residenza al XS Nightclub di Las Vegas. “Ogni giorno c’è qualcosa di diverso”, ha detto la rivista Forbes quando hanno parlato con lui l’anno scorso, dato che il suo guadagno medio è andato da 500.000 dollari

Ad oggi il patrimonio di Drake anche se è inestimabile secondo molti siti di settore si aggirerebbe attorno ai 220 milioni di dollari, ma a differenza di altri, le cifre dei suoi guadagni e dei suoi investimenti sono abbastanza nascoste e quindi si tratta di una stima.

04) Kanye West

Il super-produttore Jay Z potrebbe aver avuto una mano nel plasmare le carriere di molti rapper di talento, tra cui Kanye West. Lo scorso aprile al Coachella Valley Music Festival, la domenica di Pasqua, ha ospitato un evento esclusivo per gli artisti di tutta la California meridionale per riunirsi ed eseguire la loro musica dal vivo insieme a ospiti speciali come Chance The Rapper e DMX – ma non si trattava solo di vedere queste voci famose cantare; c’erano anche esibizioni di cori gospel della Chiesa vestiti con calze/sorong dello spirito santo disponibili per l’acquisto!

Nonostante abbia dichiarato di avere 53 milioni di dollari di debiti e abbia supplicato Mark Zuckerberg un anno fa, Kanye West fa il suo debutto in questa lista grazie a un altro mecenate: Adidas. L’hanno attirato via da Nike diversi anni fa con un’offerta che non potevano rifiutare, il tutto prima che pubblicasse della buona musica o qualsiasi altra cosa degna di nota! Anche se noi di __ (inserire nome qui) Contabilità abbiamo avuto accesso solo a calcolare il valore del marchio Yeezy da stime conservative quando abbiamo fatto i nostri calcoli su quanti soldi fa Kim Kardashian per post di Instagram, dato che anche lei ne possiede una parte, ma diciamo solo che se si moltiplicano questi due numeri insieme, allora forse riusciamo ad avere una stima più dettagliata del patrimonio del rapper.

Ad oggi, Kanye West può contare su un patrimonio di 240 milioni di dollari.

03) Dr. Dre

Forbes non è ancora d’accordo con la valutazione fatta nel 2014, dopo l’acquisizione da parte di Apple di 3 miliardi di dollari della linea di cuffie di Dr. Dre da Beats By Dre – anche se ora è considerato un miliardario! Il super produttore possedeva circa il 20%-25% delle quote all’epoca; tuttavia, dopo aver pagato in anticipo in contanti per la sua azienda più un ulteriore importo messo da parte come pagamento del debito (lasciandogli solo 500 milioni di dollari), credono che questo prezzo non sia appropriato perché non riflette ciò che i consumatori pagheranno quando compreranno lettori o auricolari direttamente attraverso negozi come Walmart ecc…

Anche con l’acquisizione di azioni Apple della scorsa settimana, Dr.Dre non è riuscito a entrare nel territorio dei miliardari – ha speso molto nel corso degli anni in proprietà e donazioni di beneficenza che lo hanno aiutato ad accumulare un patrimonio netto di 150 milioni di dollari inferiore a quello che molti considererebbero in linea per un tale onore basato solo sul loro livello o successo

Il dottor Compton, alias “Il Dottore”, come alcuni lo chiamano ancora, non ha fatto la sua fortuna da un giorno all’altro, ma ha invece lavorato duramente a partire da quando aveva solo 16 anni, possedendo due bancarelle al mercato contadino della California, vendendo prodotti tra le altre cose e consegnando giornali in città fino alle 6 di sera ogni giorno durante l’estate. Un uomo dedicato al lavoro ma che negli ultimi giorni ha visto il suo patrimonio calare di ben 100 milioni di dollari a causa del divorzio ottenuto dalla moglie e convalidato dal giudice.

Ad oggi con questo calo improvviso il patrimonio scende infatti a 700 milioni di dollari, dagli 800 delle scorse classifiche.

02) Sean Combs – Diddy

Diddy lavora come imprenditore da quando aveva 12 anni. Quando il giornalista glielo chiese due anni fa, nel loro numero del centenario (che nominò Diddums una delle più grandi menti), ecco cosa successe:
“La mia famiglia aveva la sua attività di vendita di giornali e davamo sempre copie gratuite il venerdì pomeriggio”, ha spiegato Diddy . “La prima volta che ho consegnato il foglio degli indirizzi di qualcun altro con tutte le informazioni necessarie per la consegna nella sua mano invece che nella mia – beh, lasciatemi dire che non solo questo signore si è offeso, ma è anche andato a casa a dire a tutti come osano i childuer provare una mossa così audace! Ma non preoccupatevi

L’artista precedentemente noto come Puff Daddy scende al n. 2 di questa lista a causa in parte, anche se non esclusivamente per mano delle tendenze del settore che hanno pesato pesantemente su alcune delle sue partecipazioni tra cui la rete via cavo Revolution e la linea di abbigliamento Sean John (anche se Diddy mantiene un titolo considerevole nella maggior parte dei punti).

01) Jay Z

La famiglia di Jay Z ha un valore netto di 1,4 miliardi di dollari, ma ancora più importante, lui e Beyoncé sono royalty della musica con un curriculum senza precedenti che comprende album di successo come ” certs , Carter III,” Brooklyn Knights” (così come i premi dai Grammy Awards ai trofei BET
Il fatto rimane: nonostante tutte le probabilità contro di loro – tra cui convincere gli artisti che non possono essere artistico E fare soldi – Jay Z ‘s team ha superato queste sfide dimostrando che era possibile nel 2010 quando Forbes lo ha intervistato per questo articolo .

Ovviamente parliamo ormai di una industria musicale composta da moglie e marito che riescono a muovere interessi e capitali ad ogni loro interesse.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Magazine

Come sfruttare i canali digitali per la vostra campagna di marketing musicale

Published

on

Il marketing musicale digitale non è più solo un canale per promuovere le proprie canzoni, ma un modo per raggiungere direttamente il pubblico con il giusto messaggio e la giusta call-to-action. Quella che una volta era una strada a senso unico in cui le etichette discografiche e gli artisti commercializzavano la loro musica ai fan, oggi è diventata una rete dinamica con molteplici punti di ingresso che richiedono strategie specifiche per distinguersi. Per molti musicisti, il marketing musicale digitale può sembrare un argomento intimidatorio. Tuttavia, a ben vedere, si tratta semplicemente di un’altra forma di promozione attraverso il passaparola. Si sfrutta la tecnologia per mettere la propria musica direttamente davanti ai potenziali fan, evitando gli intermediari che possono filtrare o distorcere il messaggio. In questo articolo tratteremo alcune best practice e alcuni esempi che potete mettere in pratica oggi stesso.

Quello che dovreste sapere sul marketing musicale digitale

Il marketing musicale digitale è il processo di promozione della vostra musica direttamente ai potenziali fan. Mentre il marketing musicale tradizionale prevede una comunicazione unidirezionale dall’artista ai fan, il marketing musicale digitale vi mette direttamente di fronte al vostro pubblico. Potete evitare molti intermediari che possono distorcere il vostro messaggio e rendere più difficile raggiungere i potenziali fan. L’obiettivo principale del marketing musicale digitale è guidare i fan verso una pagina di destinazione con un invito all’azione. Potrebbe trattarsi di una lista di e-mail, di una vendita di biglietti o di un acquisto d’impulso per un’imminente uscita fisica. Indipendentemente dall’azione desiderata, è necessario mettere i fan al posto di guida. In questo modo, potranno interagire con i vostri contenuti a loro piacimento e alle loro condizioni.

Se è vero che non c’è musica senza brand, allora può tornare utile un servizio di brand awareness che ci aiuti a curare direttamente tutti questi fattori che magari possono sembrare difficili se l’unica cosa che vogliamo e sappiamo fare è quella di fare musica a tutti i livelli.

Da dove iniziare con il marketing musicale digitale

Prima di addentrarvi nelle varie strategie e tattiche che compongono il marketing musicale digitale, dovete innanzitutto capire chi è il vostro fan ideale. La chiave è concentrarsi sulla creazione di una persona ristretta e dettagliata che vi aiuti a capire meglio il vostro pubblico. Per iniziare, create un foglio di calcolo con 4-6 colonne e 8-10 righe. Le colonne devono rappresentare i dati demografici a cui ci si vuole rivolgere, mentre le righe rappresentano i diversi aspetti della loro persona. In alto a sinistra del foglio di calcolo, aggiungete un titolo per la vostra persona e l’evento scatenante che ha dato inizio al suo interesse per la vostra musica. Ad esempio, una persona interessata alla musica acustica potrebbe essere partita di recente per un viaggio e aver voluto ascoltare qualcosa di diverso da ciò che era disponibile nel suo Paese. Dopo aver creato il vostro personaggio, potete iniziare a dare un’occhiata alle diverse piattaforme su cui potete promuovere la vostra musica. Ci sono molte opzioni tra cui scegliere, ma tutto dipende da quali canali hanno i giusti dati demografici per il pubblico desiderato.

Identificate il vostro pubblico di riferimento, quindi restringete il campo delle piattaforme.

Dopo aver determinato il vostro pubblico target, è il momento di creare un elenco delle diverse piattaforme che potrebbero visitare. L’obiettivo non è quello di elencare ogni singola piattaforma, ma di creare una lista curata di quelle in cui il vostro pubblico trascorre il proprio tempo. È possibile trovare un elenco di alcune delle più popolari piattaforme di streaming e download di musica consultando il Digital Music Landscape di Music Think Tank. Questa risorsa include anche informazioni sulle best practice raccomandate per ogni piattaforma e mostra come la vostra musica possa inserirsi nell’ecosistema attuale. Ora che avete un elenco delle piattaforme musicali più popolari e conoscete il vostro pubblico di riferimento, è il momento di restringere le opzioni. Per farlo, potete utilizzare uno strumento come Music Metric’s Advertising Analysis per capire quali piattaforme sono più adatte alla vostra musica. Una volta completata l’analisi, si dovrebbe avere una migliore comprensione delle piattaforme più adatte alla propria musica.

Usare contenuti ricchi per distinguersi in uno spazio affollato

La musica è una forma d’arte che può essere espressa in molti modi diversi. Se da un lato è importante creare un messaggio centrale per la vostra musica, dall’altro è fondamentale creare diversi formati per quel messaggio. Mentre i video musicali sono stati tradizionalmente il modo principale per promuovere la musica, l’ascesa dei social media ha permesso a molti artisti di ampliare i modi in cui possono creare un’esperienza ricca intorno alla loro musica. È possibile utilizzare Instagram Stories e Snapchat per creare immagini visive che aiutino i fan a connettersi con la propria musica. Con Instagram, è possibile aggiungere più immagini al proprio post per creare una storia più ampia che includa la propria musica. Snapchat è un’altra grande opzione da utilizzare perché la piattaforma è esclusivamente visiva. Ciò significa che potete creare una storia che includa la vostra musica, i testi e varie immagini per aiutare i fan a connettersi con la vostra musica in modi nuovi.

Sfruttare i contenuti esclusivi come un gancio

Se state cercando di costruire una base di fan o di aumentare la vostra visibilità, un trucco semplice è quello di regalare musica gratuita. Questo non solo vi aiuta a costruire una mailing list di fan che vogliono di più da voi, ma vi dà anche una spinta in più per aumentare le vostre riproduzioni su Spotify e le visualizzazioni su YouTube. Per creare un giveaway, dovete innanzitutto creare un account su una delle tante piattaforme di distribuzione musicale. Queste includono siti come SoundCloud, Spotify o YouTube. Da lì, dovrete impostare una playlist che contenga le canzoni che state regalando. Una volta fatto questo, si può aggiungere una call-to-action che collega direttamente all’iscrizione alla mailing list.

Usare il marketing a pagamento per farsi conoscere e creare consapevolezza

Il marketing a pagamento è uno dei modi migliori per far scoprire la vostra musica a un nuovo pubblico. Sfruttando i canali a pagamento, potete raggiungere nuovi gruppi di persone che potrebbero non conoscere la vostra musica. Sebbene sia facile creare un annuncio su Facebook o Twitter, è importante comprendere gli obiettivi di ciascun tipo di annuncio. Annunci su Facebook: Gli annunci su Facebook sono utilizzati per guidare i potenziali fan verso la vostra pagina e incoraggiarli a compiere un’azione. Può trattarsi di un’azione che va dal cliccare sulla vostra pagina, al guardare un video su YouTube, fino al pre-ordine del vostro ultimo disco. Annunci su Twitter: Gli annunci su Twitter sono utilizzati per guidare i potenziali fan verso la vostra pagina e incoraggiarli a compiere un’azione. Si può trattare di fare clic sulla vostra pagina, guardare un video di YouTube o persino preordinare la vostra ultima uscita. Sia per gli annunci di Facebook che per quelli di Twitter, è necessario includere un’immagine visiva. L’immagine deve essere convincente e contribuire a spiegare il contenuto della vostra musica. A questo punto, è possibile aggiungere una call-to-action breve e veloce che invogli il pubblico a fare clic sull’annuncio.

In conclusione

Il marketing musicale digitale è il processo di promozione della vostra musica direttamente ai potenziali fan. È il modo migliore per raggiungere un nuovo pubblico e far ascoltare la vostra musica a persone che altrimenti non vi avrebbero scoperto. Ci sono molti canali diversi che potete utilizzare per promuovere la vostra musica in digitale. È importante scegliere i canali in cui il vostro pubblico target trascorre il suo tempo e creare contenuti che risuonino con quei fan. Potete iniziare creando una persona per il vostro pubblico target e scegliendo le piattaforme in base ai dati demografici dei vostri fan. Da lì, potete utilizzare contenuti ricchi come immagini e audio per entrare in contatto con i vostri fan a un livello più personale. Per una portata ancora più ampia, potete utilizzare la pubblicità a pagamento per far conoscere la vostra musica a nuovi gruppi di persone e creare consapevolezza intorno alla vostra musica.

Continue Reading

Magazine

Le 5 migliori applicazioni per produrre musica – Le migliori sul mercato

Published

on

Il mondo dell’arte è saturo, il che significa che è difficile distinguersi come artista. Per catturare l’attenzione di potenziali ascoltatori e spettatori, gli aspiranti artisti devono investire negli strumenti giusti. Fortunatamente, negli ultimi anni la tecnologia è progredita e oggi esistono numerose app che possono aiutare i musicisti in erba a produrre la propria musica dall’inizio alla fine. Queste applicazioni rendono più facile per gli artisti registrare nuovi brani, riascoltare le produzioni finali o persino collaborare con altri artisti a progetti creativi.

In ambito lavorativo è ovviamente obbligatorio avere programmi e dispositivi che ti rendano autonomo anche quando viaggiamo e siamo fuori casa, cosi come la possibilità di connettersi e lavorare in remoto anche grazie ai nuovi dispositivi, ovviamente la necessità di sempre più giga si è riflessa sulle offerte mobile e quindi possiamo trovare in commercio ormai dei piani solo dati per essere sempre connessi.

Continuate a leggere per maggiori informazioni sulle migliori app per produrre musica e collaborare a progetti creativi.

Ardour

Ardour è una workstation audio digitale (DAW) libera e open-source. Il software è disponibile dal 2002, il che lo rende una delle prime DAW. Ardour è ideale per la registrazione e il mixaggio della musica e dispone anche di un’ampia gamma di funzioni aggiuntive per l’editing audio. Sebbene il software non sia facile da usare come altre DAW, è potente e compatibile con la maggior parte dei sistemi informatici. Se siete musicisti esperti e cercate una DAW non basata su cloud, Ardour potrebbe essere l’applicazione migliore per voi. Ardour può essere scaricato dal sito ufficiale.

DAW – Digital Audio Workstation

Le DAW esistono da quando i software musicali si sono diffusi negli anni ’80. Di fatto, sono la base della produzione musicale digitale e sono ancora il metodo preferito per creare musica. Una DAW consente agli utenti di registrare più tracce contemporaneamente, rendendo più facile la collaborazione con altri artisti. Inoltre, semplifica il processo di creazione della musica e riduce al minimo il rischio di errori. Le DAW disponibili sono numerose e offrono tutte caratteristiche diverse. Alcune sono gratuite, altre a pagamento. Se siete aspiranti musicisti e avete bisogno di aiuto per scegliere la DAW giusta, considerate questi fattori: Compatibilità con il sistema operativo – Le DAW si differenziano per la compatibilità con i sistemi operativi. Assicuratevi che la DAW sia compatibile con il vostro sistema informatico e che possa funzionare sul sistema operativo che preferite.

GarageBand

GarageBand è il software di produzione musicale di Apple, in circolazione dal 2004. Il software è disponibile sia per computer Mac che iOS e rappresenta un’ottima scelta sia per i musicisti principianti che per quelli professionisti. È possibile utilizzare GarageBand per registrare, comporre e mixare la musica sul computer e viene fornito con una libreria di suoni integrata. Se siete utenti iOS, potete anche collegare chitarra e microfono per registrare canzoni con GarageBand. Il software è facile da usare ed è dotato di molte funzioni utili. Tuttavia, ha anche un costo di abbonamento mensile. Se avete un computer Apple e volete una DAW facile da usare e dotata di funzioni utili, GarageBand è la scelta migliore. Potete scaricare GarageBand dall’App Store o da iTunes.

Musicista Pro

Musician Pro è una DAW progettata per i musicisti che vogliono collaborare online. Il software consente ai musicisti di creare progetti, lavorare su canzoni e collaborare con altri artisti. È possibile utilizzare Musician Pro per registrare nuovi brani, mixare l’audio e creare playlist. È inoltre dotato di un editor audio integrato che consente di modificare l’audio. Se avete un’idea per un brano ma avete bisogno di aiuto per comporre il testo, potete usare l’editor di testi integrato in Musician Pro. Il software include anche un’altra funzione utile: la funzione di batterista virtuale. Questa funzione consente di inserire le proprie tracce di batteria e di comporre canzoni con un batterista. La maggior parte delle funzioni di Musician Pro sono gratuite, ma esiste anche un livello a pagamento che sblocca altre funzioni. Se siete musicisti che vogliono collaborare online e semplificare il processo di creazione della musica, Musician Pro potrebbe essere l’applicazione migliore per voi. È possibile scaricare Musician Pro dall’App Store.

Cassetta degli attrezzi del musicista

Musician’s Toolbox è una DAW che punta sulla semplicità. Il software è facile da imparare, il che lo rende una buona scelta sia per i musicisti principianti che per quelli esperti. Musician’s Toolbox offre molte funzioni importanti che aiutano a semplificare la creazione di musica. È possibile utilizzare il software per registrare l’audio, mixare l’audio, modificare l’audio e persino comporre e mixare la musica. Si può anche utilizzare per collaborare con altri artisti e tenere traccia dei progressi del progetto. Se avete bisogno di aiuto per organizzare i vostri progetti, potete usare il calendario e il task manager integrati di Musician’s Toolbox. Il software include anche un accordatore di strumenti integrato, che consente di accordare gli strumenti prima di registrare nuovi brani. Se siete musicisti che vogliono semplificare il processo di creazione della musica, prendete in considerazione Musician’s Toolbox come DAW. Potete scaricare il software dall’App Store.

Conclusione

La musica è una forma d’arte che esiste fin dalla preistoria. L’unico modo per progredire come artista è esercitarsi e affinare le proprie capacità. Se state cercando un modo più semplice per creare musica, prendete in considerazione una di queste applicazioni. Sono dotate di funzioni utili per registrare musica e semplificare il processo creativo. Le migliori app per produrre musica sono Ardour, DAW, GarageBand, Musician Pro e Musician’s Toolbox.

Continue Reading

Magazine

Due rapper registrano il videoclip in un cimitero ed è subito polemica

Published

on

Due rapper hanno cantato e ballato nel cimitero dove sono sepolti oltre 1.900 soldati austroungarici caduti durante la I Guerra mondiale.

Il video uscito il 10 giugno non ha sicuramente riscosso un grosso numero di visite ma ora con la polemica rilanciata dai giornali si prospetta la gogna mediatica per il duo.

La location scelta dal duo “Depra ft. Senx” per girare il video della loro canzone “Troie e droghe” è infatti il cimitero austroungarico di Aurisina (Trieste).

I giornali locali sono andati subito all’attacco anche giustamente del duo che ha deciso di usare una location non delle migliori per registrare il proprio videoclip.
Ma il cimitero non ci sembra proprio cosi tenuto come dovrebbe essere il memoriale della morte dedicato ai soldati della prima guerra mondiale, una azione di ipocrisia in piena regola se vogliamo fare a tutti i costi i puristi della situazione.

Continue Reading

Trending

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.