Connect with us

Emergenti

Rubrica Emergenti; Ecco Smiscio, dalla Sardegna tanto talento e voglia di rivincita

Published

on

Nazgul Smiscio a.k.a Lorenzo Miscera, rapper di Siniscola (Nu), in Sardegna.

Sin da piccolo affascinato da poetica e letteratura, e fortemente condizionato da un carattere timido e introverso, muove i primi passi nella stesura in rima già ai tempi delle scuole elementari, per poi concretizzare il suo spirito e sfogo artistico nella musica trovando una totale dimensione nell’hip-hop. 

Il primo approccio verso il mondo hip-hop risale al 2005, quando appena 13enne resta affascinato dalla breakdance della ”Zip Crew” di Siniscola, rinomata dal talento di b-boy Snake (Gabriel Bellu), purtroppo poi venuto a mancare, e da dj Shark (Daniel Fais) che 11 anni dopo sarebbe diventato il suo dj e compagno di viaggio. Il nome Smiscio prende forma nel 2012, quando l’artista si espone per la prima volta al pubblico collaborando con la Cronaca Nera, collettivo hip-hop nuorese. Inizia così un percorso amatoriale fortemente criticato per la diversità e il pregiudizio verso un’arte troppo spesso stereotipata sul cattivo esempio, quando la stessa risultava solo lo strumento di mediazione per dei ragazzi che raccontavano storie. 

Nel 2014 Smiscio scalda per la prima volta il microfono del FolkStudio di Oristano, dove sotto lo pseudonimo di Nazgul (tendente a rappresentare le sue parti cattive) registra ”Spiragli di buio”, percorso autobiografico e introspettivo composto da 8 brani.

Passano gli anni tra battle freestyle, scrittura di nuovi inediti e collaborazione locali.

Durante tutto il 2018 scrive e compone nuove canzoni, si esibisce in alcuni showcase e a settembre firma per la neonata etichetta “Bianca Dischi”. 

“Dimmi Com’è” è il primo singolo del suo nuovo corso, prodotto da Noia e mixato da Roberto Macis (ha lavorato, tra gli altri, con Salmo, Rocco Hunt, Jake La Furia, Luchè, Clementino, Entics) uscito venerdì 26 ottobre 2018 su YouTube con un videoclip girato e diretto da Alessio Spanu. 

Sul finire del 2018 e nei primi mesi del 2019 Smiscio scrive e produce, insieme a Venom e Lucky e sotto la supervisione e il mix di Roberto Macis il suo primo Ep intitolato “CORE”. 

L’Ep viene anticipato da due videoclip, “Street Life” feat. Leschio (rapper cagliaritano) e “Tutti Fanno Trap” usciti rispettivamente ad aprile e luglio 2019. 

“CORE” esce per Bianca Dischi distribuito Artist First il 20 settembre 2019. 

Ecco l’intervista di ClubHipHop a Smiscio

La presentazione è sempre la parte più dura di una intervista, ma puoi presentarti ai nostri lettori di ClubHipHop senza grosse paure.

Ciao a tutti, sono Lorenzo in arte Smiscio, sono un ragazzo sardo come tanti, niente più niente meno. Mi faccio il mazzo ogni giorno e spero che la mia voce arrivi a qualcuno, non tanto per fama e milioni ma perché qui non ci ascolta nessuno. 

Cosa ti ha avvicinato al mondo del rap? Quale attitudine ti tiene vicino a questo mondo?

Mi sono avvicinato alla musica con la scrittura: scrivere è il mio modo di esistere e di essere me stesso. Scrivere è sempre stata l’unica valvola di sfogo, come chi tira pugni ad un sacco o chi beve fino a tardi. Mi ispira la vita vera, zero immaginari fantastici o macchine inesistenti degli emergenti che tanto, vanno tutti a piedi.

Domanda provocatoria, oggi va molto di moda farsi scrivere le canzoni da altri, un pò come il mondo pop che è composto da pochi autori e da molti interpreti, cosa ne pensi di chi si fa scrivere le canzoni rap?

Non penso a loro, non mi interessano. Ho già da grattare i miei casini, figuriamoci pensare a chi vuole fare il tronista con la musica.

A novembre è uscito il paese delle stellle, cosa ci aspetta il futuro di Smiscio?

Arriveranno nuove canzoni e nuovi progetti. Spero di portare tutto sui palchi, spero che la gente non senta ma, ASCOLTI.

Quali saranno i prossimi appuntamenti con la tua musica? Lascia un saluto ai lettori di ClubHipHop

Se per prossimi eventi intendete “live” non ne ho idea, quello dipende da voi. Sicuramente sulle piattaforme, tra YouTube, Spotify e via dicendo. Bolle qualcosa in pentola, spero sia buona la minestra. Un saluto ai lettori di ClubHipHop, buon ascolto, in caso contrario vaffanculo. 

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Emergenti

“Tutto sbagliato”: fuori in radio la title track del nuovo EP di Unblasfemo

Published

on

Dal 13 maggio 2022 è disponibile in radio “Tutto sbagliato” (Blackcandy Produzioni), il nuovo singolo di Unblasfemo, estratto dall’omonimo EP, in digitale dal 6 maggio.

“Tutto sbagliato” è la title-track che esemplifica e riassume tutti i contenuti del progetto. “Tutto un disastro, la società al collasso”, rima così un verso del pezzo. Con il sound più duro, qui viene descritto come i mali e i “malvagi” siano la causa dell’omologazione, dell’inaridimento e dell’inettitudine delle nuove generazioni. C’è bisogno di risistemare “tutto ‘sto ginepraio”.

Il video del brano “Tutto Sbagliato” mostra il rapper vestito inizialmente in giacca e cravatta, nei panni di un impiegato/funzionario della media società. A questo scenario, si alternano delle scene in cui il rapper è vestito coi suoi abiti ordinari. L’idea di fondo è creare una contrapposizione tra ciò che l’artista è e ciò che non vorrebbe essere, perché disprezza il servilismo e l’immobilismo della media società. Alla fine del video, infatti, il soggetto finisce per strapparsi le vesti del medio-borghese per dare un chiaro segno di dissenso nei confronti di quella categoria.

Guarda il videoclip: https://youtu.be/zYs8b_s9Yz4

L’EP “Tutto sbagliato” come è facilmente intuibile dal titolo, cerca di mettere in dubbio, radicalmente, alcuni valori e alcune figure della nostra società. Attraverso i testi espliciti e diretti di Unblasfemo e grazie alle strumentali crude e aggressive di Squarta e Gabbo (Rugbeats), quello che si percepisce da subito è un rifiuto forte di alcuni principi e costumi dei nostri tempi, una forte forma di contrasto verso la cultura dominante espressa in 4 brani di marchio Hip-Hop.

Spiega l’artista a proposito dell’EP: “Ho incominciato a fare il Rap perché avevo bisogno di dire la mia su alcune tematiche importanti che troppo spesso vengono trascurate o male interpretate. Il rap è una forma di espressione libera e diretta per raccontarsi e il mio obbiettivo è quello di riuscire a trasmettere le mie idee, sperando di trovare un contatto, consapevole del fatto che ci sia molta gente che ha bisogno di certe parole, di certi messaggi. Voglio che quella fetta di persone che ha ancora voglia di cambiare le cose sappia che c’è la possibilità di farlo. Voglio che la musica sia il risveglio dello spirito e che questo progetto possa essere il giusto punto di partenza perché questo avvenga”.

Tracklist:

  • Fame
  • Minuti Contati
  • Porci
  • Tutto Sbagliato

Presave EP “Tutto sbagliato”

Biografia

Rocco Santarcangelo, in arte “Unblasfemo”, classe ’99, è un rapper di Montescaglioso, un paese della Basilicata. Si contraddistingue per essere da sempre una persona eclettica e passionale, istintiva.  Col passare del tempo “Unblasfemo” ha maturato il suo interesse per la musica, fino a raggiungere una conoscenza solida proveniente anche dalla musica classica, e dal cantautorato. Si avvicina al mondo del Rap all’età di 14 anni e resta affascinato dal mondo dell’Underground italiano, da cui prende a riferimento i valori e gli ideali. Dall’ascolto alla messa in pratica, passano circa 6 anni: solo dopo aver acquisito un bagaglio sufficiente di cultura Hip-Hop (italiana e non) prova a mettersi alla prova iniziando a scrivere le prime rime.  .

Instagram | Spotify

Continue Reading

Emergenti

“Scintille”: il nuovo singolo di Blake el Diablo

Published

on

Dal 13 maggio 2022 sarà disponibile in rotazione radiofonica “Scintille” (Platinum Label), il nuovo singolo di Blake el Diablo, già disponibile sulle piattaforme digitali dall’1 aprile.

“Scintille” racconta la storia di amore di Blake el Diablo e la promessa di ogni uomo di onorare la propria donna qualunque cosa accada. Della prima infatuazione che si trasforma in amore puro e arriva fino alla promessa di godersi una famiglia insieme.

L’artista descrive così il brano “Scintille”: “Le cose più grandi nascono sempre da quelle più piccole”.

Nel video di “Scintille” si vuole rappresentare la potenza dell’Amore. Infatti, il fuoco è la metafora della relazione, alle volte si spegne perché si perde quella scintilla che ha fatto scattare l’amore, a volte divampa rendendola ancora più pura. Le scintille rappresentano il sesso nudo e crudo, che è effimero e tuttavia scoppiettante. Blake è come Prometeo, incatenato all’amore della sua donna e come nel mito dell’antica Grecia dà vita ai sentimenti dell’uomo attraverso il fuoco. Il corpo della Donna amata è come le dune del Sahara, che rappresentano il calore che si crea tra le due anime.

Guarda il videoclip: https://youtu.be/VYbY3Eot40c

Ascolta ora il brano

Biografia

Jacopo Romano, in arte Blake el Diablo. È un artista classe 2000 Saronnese di impronta Chill Rap/Trap. La passione per la musica nasce in giovane età all’ascolto di artisti come 50cent, Kanye West e Public Enemy, che lasciano un’impronta più Hip- Hop nell’ artista, ma anche artisti di vena più R&B tra cui Ne-Yo, Akon e vari artisti tra gli anni ’90 e primi 2000. Questo gli attribuisce una versatilità tra i generi che gli permette di sviluppare flow richiamanti entrambi i generi.

Instagram | TikTok | Spotify |YouTube

Continue Reading

Emergenti

“Fiori tra ortiche”: l’introspezione del nuovo singolo di Aka Steve

Published

on

Dal 13 maggio 2022 sarà disponibile in rotazione radiofonica e in digitale “Fiori Tra Ortiche” (Kimura), il nuovo singolo di Aka Steve.

“Fiori Tra Ortiche” è un brano Rap che presenta un ritornello melodico scritto e arrangiato su una base Hip Hop; l’artista ha scritto questa canzone per trovare uno sfogo che lo aiutasse ad accettare le proprie perplessità e frustrazioni.

Spiega l’artista a proposito del brano: “Fiore Tra Ortiche è una canzone contenente varie riflessioni e pensieri atti a incoraggiare la gente a non farsi abbattere dalle difficoltà che ci circondano, o dalle persone che hanno un indole negativa, ma piuttosto affrontarle con impegno e determinazione”.

Il loop video di “Fiori Tra Ortiche” prende le distanze dall’ambiente chiuso di “Notti Insonni” e dalla città grigia di “Vero” e lo ritrae immerso nella natura, nel verde vibrante e tra i fiori del titolo. La forza della natura, che trova sempre modo di resistere alle avversità esterne, esprime il messaggio della canzone pur nella sua espressione più calma e controllata, trasmettendo la serenità ricercata dall’artista: “Se mi chiedi poi chi mi sta a sentire, la stessa gente che vede in me fiori fra ortiche. Nel nostro piccolo giardino come formiche, fiero di chi sono, almeno lasciamelo dire”.

Guarda il videoclip: https://youtu.be/Fsms-Rf4ipM

Pre-salva ora il brano

Biografia

Steve Giustiniani, nato a Bologna il 5 Giugno 2000, cresce in un paesino di campagna. Fin da ragazzino si appassiona al mondo della musica dove trova una vocazione e un rifugio dai momenti difficili, in particolare nel genere Rap Old School. Inizia praticando il freestyle in compagnia di amici a 14/15 anni, poi il suo interesse si trasforma in passione ed inizia quindi a scrivere brani suoi, accantonando l’improvvisazione e Freestyle. Ha partecipato inoltre al Tour Music Fest edizione 2021 nella categoria Rapper. Al momento sta lavorando per produrre il suo primo album.

Instagram

Continue Reading

Trending

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.