Connect with us

Emergenti

Un nuovo Boss in Casa

Published

on

Forse scomodiamo una canzone a noi tanto cara, ” Un nuovo Boss in casa ” che vedeva sulla traccia il meglio della scena anni 2000, Jake, Guè, Marra, Vincenzo da Via Anfossi sulla produzione di Deleterio.
Se scomodiamo un paragone cosi forte sicuramente non siamo ancora diventanti matti, ma semplicemente vogliamo dare il benvenuto nella famiglia di ClubHipHop ad un nuovo Amico/Collaboratore, Mad, giovane artista della rima e scrittore di barre in erba si unisce al nostro Team per deliziarci con qualche strofa e aiutarci a comprendere veramente il significato delle parole.
ClubHipHop non è solo ripostare canzoni e condividere video di gente famosa, Il Club indica famiglia, e dove c’è HipHop c’è casa.

Mad Dice di sè
classe 98.
Il mio nome d’arte è semplice come lo sono io,infatti si legge come si scrive.
Nei miei testi parlo di me,di quello che penso nel momento in cui li scrivo,di emozioni e sensazioni provate in momenti in particolare.
Uso parole semplici e la mia passione per la scrittura è un elemento ricorrente.
Mi piace scrivere di scene e gesti comuni che fanno parte della vita di tutti perché penso che ci si sia già soffermati troppo su macchinoni,soldi,fama,droga e trasgressione che in realtà non appartengono al mio ambiente,alle mie abitudini e al mio modo di pensare.
Indipendentemente da quello che pensano gli altri,a me piace il mio modo di scrivere perché è spontaneo,infatti i miei testi nascono in 10 minuti o in un’ora senza essere programmati né studiati. Scrivo su basi che trovo su Youtube,mi piace cercarne di nuove e minon piacciono specialmente quelle che fondono altri generi musicali (come rock,classico) all hip hop o alla trap. Il genere su cuicui mi piace scrivere maggiormente è trap/hip hop.
Mi piacerebbe sapere da occhi estranei se arriva quello che voglio comunicare,se si immaginano nella loro testa quella figura e le sensazioni che descrivo nei testi.
Iniziamo quindi subito con un testo che ha elaborato su ANUEL AA X ARCANGEL TYPE BEAT – PIKETE – ALEX SOTO BEATS
Guarda come mi diverto
Guardami allo specchio
Guarda come sono diventato bello
Guardami
Prime ore del mattino con il nuovo stile
Tra il sogno e la realtà c’è una linea sottile
Oggi sono quello che ho sognato e sognerò quello che sono ora
Fino all’ultima parola
Questa è la tappa di una grande crescita
Se chiudo gli occhi sento l’odore della carta
Senti come brucia mentre scrivo con la penna
Senti come sale il brivido sulla schiena
Sto bene in solitudine
Lontano dall’inutile
Ho più crepe io nel cuore che sul guantone un pugile
Se hai occasioni prendile
Se non ti interessa vendile
Vorrei facessi una scommessa
Nella tua vita scegli me
Sono un po’ sovrappensiero
Alzo gli occhi verso il cielo
Cerco un arcobaleno
Tra le nuvole mi perdo
Guarda come mi diverto
Guardami allo specchio
Guarda come sono diventato bello
Guardami
Menomale che io mi capisco
Non sono molto amante del rischio
Come San Tommaso metto il dito
Re Mida tocco oro con un dito
Faccio quello che mi piace
Do a vedere molte facce
Riesco a stare insieme a tutti
Posso non lasciare tracce
Scopro sempre le mie carte
So a memoria la tua parte
Senza di me non si parte
Sono un attacco d’arte
Quando lanci frecciatine io mi sposto
Sono come il cane che non molla l’osso
La mia nave vira sempre però arriva in porto
Filo sempre dritto anche se mi guardi storto
Resto con il mio pensiero
Brillo di luce propria non ti vedo
Ci penso e non mi sembra vero
Mi tengo appeso al filo ma non cedo
Guarda come mi diverto
Guardami allo specchio
Guarda come sono diventato bello
Guardami
Non ci siamo dimenticati del paragone, e per ricordavelo eccovi il video di ” Un nuovo Boss in Casa

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Emergenti

“Tutto sbagliato”: fuori in radio la title track del nuovo EP di Unblasfemo

Published

on

Dal 13 maggio 2022 è disponibile in radio “Tutto sbagliato” (Blackcandy Produzioni), il nuovo singolo di Unblasfemo, estratto dall’omonimo EP, in digitale dal 6 maggio.

“Tutto sbagliato” è la title-track che esemplifica e riassume tutti i contenuti del progetto. “Tutto un disastro, la società al collasso”, rima così un verso del pezzo. Con il sound più duro, qui viene descritto come i mali e i “malvagi” siano la causa dell’omologazione, dell’inaridimento e dell’inettitudine delle nuove generazioni. C’è bisogno di risistemare “tutto ‘sto ginepraio”.

Il video del brano “Tutto Sbagliato” mostra il rapper vestito inizialmente in giacca e cravatta, nei panni di un impiegato/funzionario della media società. A questo scenario, si alternano delle scene in cui il rapper è vestito coi suoi abiti ordinari. L’idea di fondo è creare una contrapposizione tra ciò che l’artista è e ciò che non vorrebbe essere, perché disprezza il servilismo e l’immobilismo della media società. Alla fine del video, infatti, il soggetto finisce per strapparsi le vesti del medio-borghese per dare un chiaro segno di dissenso nei confronti di quella categoria.

Guarda il videoclip: https://youtu.be/zYs8b_s9Yz4

L’EP “Tutto sbagliato” come è facilmente intuibile dal titolo, cerca di mettere in dubbio, radicalmente, alcuni valori e alcune figure della nostra società. Attraverso i testi espliciti e diretti di Unblasfemo e grazie alle strumentali crude e aggressive di Squarta e Gabbo (Rugbeats), quello che si percepisce da subito è un rifiuto forte di alcuni principi e costumi dei nostri tempi, una forte forma di contrasto verso la cultura dominante espressa in 4 brani di marchio Hip-Hop.

Spiega l’artista a proposito dell’EP: “Ho incominciato a fare il Rap perché avevo bisogno di dire la mia su alcune tematiche importanti che troppo spesso vengono trascurate o male interpretate. Il rap è una forma di espressione libera e diretta per raccontarsi e il mio obbiettivo è quello di riuscire a trasmettere le mie idee, sperando di trovare un contatto, consapevole del fatto che ci sia molta gente che ha bisogno di certe parole, di certi messaggi. Voglio che quella fetta di persone che ha ancora voglia di cambiare le cose sappia che c’è la possibilità di farlo. Voglio che la musica sia il risveglio dello spirito e che questo progetto possa essere il giusto punto di partenza perché questo avvenga”.

Tracklist:

  • Fame
  • Minuti Contati
  • Porci
  • Tutto Sbagliato

Presave EP “Tutto sbagliato”

Biografia

Rocco Santarcangelo, in arte “Unblasfemo”, classe ’99, è un rapper di Montescaglioso, un paese della Basilicata. Si contraddistingue per essere da sempre una persona eclettica e passionale, istintiva.  Col passare del tempo “Unblasfemo” ha maturato il suo interesse per la musica, fino a raggiungere una conoscenza solida proveniente anche dalla musica classica, e dal cantautorato. Si avvicina al mondo del Rap all’età di 14 anni e resta affascinato dal mondo dell’Underground italiano, da cui prende a riferimento i valori e gli ideali. Dall’ascolto alla messa in pratica, passano circa 6 anni: solo dopo aver acquisito un bagaglio sufficiente di cultura Hip-Hop (italiana e non) prova a mettersi alla prova iniziando a scrivere le prime rime.  .

Instagram | Spotify

Continue Reading

Emergenti

“Scintille”: il nuovo singolo di Blake el Diablo

Published

on

Dal 13 maggio 2022 sarà disponibile in rotazione radiofonica “Scintille” (Platinum Label), il nuovo singolo di Blake el Diablo, già disponibile sulle piattaforme digitali dall’1 aprile.

“Scintille” racconta la storia di amore di Blake el Diablo e la promessa di ogni uomo di onorare la propria donna qualunque cosa accada. Della prima infatuazione che si trasforma in amore puro e arriva fino alla promessa di godersi una famiglia insieme.

L’artista descrive così il brano “Scintille”: “Le cose più grandi nascono sempre da quelle più piccole”.

Nel video di “Scintille” si vuole rappresentare la potenza dell’Amore. Infatti, il fuoco è la metafora della relazione, alle volte si spegne perché si perde quella scintilla che ha fatto scattare l’amore, a volte divampa rendendola ancora più pura. Le scintille rappresentano il sesso nudo e crudo, che è effimero e tuttavia scoppiettante. Blake è come Prometeo, incatenato all’amore della sua donna e come nel mito dell’antica Grecia dà vita ai sentimenti dell’uomo attraverso il fuoco. Il corpo della Donna amata è come le dune del Sahara, che rappresentano il calore che si crea tra le due anime.

Guarda il videoclip: https://youtu.be/VYbY3Eot40c

Ascolta ora il brano

Biografia

Jacopo Romano, in arte Blake el Diablo. È un artista classe 2000 Saronnese di impronta Chill Rap/Trap. La passione per la musica nasce in giovane età all’ascolto di artisti come 50cent, Kanye West e Public Enemy, che lasciano un’impronta più Hip- Hop nell’ artista, ma anche artisti di vena più R&B tra cui Ne-Yo, Akon e vari artisti tra gli anni ’90 e primi 2000. Questo gli attribuisce una versatilità tra i generi che gli permette di sviluppare flow richiamanti entrambi i generi.

Instagram | TikTok | Spotify |YouTube

Continue Reading

Emergenti

“Fiori tra ortiche”: l’introspezione del nuovo singolo di Aka Steve

Published

on

Dal 13 maggio 2022 sarà disponibile in rotazione radiofonica e in digitale “Fiori Tra Ortiche” (Kimura), il nuovo singolo di Aka Steve.

“Fiori Tra Ortiche” è un brano Rap che presenta un ritornello melodico scritto e arrangiato su una base Hip Hop; l’artista ha scritto questa canzone per trovare uno sfogo che lo aiutasse ad accettare le proprie perplessità e frustrazioni.

Spiega l’artista a proposito del brano: “Fiore Tra Ortiche è una canzone contenente varie riflessioni e pensieri atti a incoraggiare la gente a non farsi abbattere dalle difficoltà che ci circondano, o dalle persone che hanno un indole negativa, ma piuttosto affrontarle con impegno e determinazione”.

Il loop video di “Fiori Tra Ortiche” prende le distanze dall’ambiente chiuso di “Notti Insonni” e dalla città grigia di “Vero” e lo ritrae immerso nella natura, nel verde vibrante e tra i fiori del titolo. La forza della natura, che trova sempre modo di resistere alle avversità esterne, esprime il messaggio della canzone pur nella sua espressione più calma e controllata, trasmettendo la serenità ricercata dall’artista: “Se mi chiedi poi chi mi sta a sentire, la stessa gente che vede in me fiori fra ortiche. Nel nostro piccolo giardino come formiche, fiero di chi sono, almeno lasciamelo dire”.

Guarda il videoclip: https://youtu.be/Fsms-Rf4ipM

Pre-salva ora il brano

Biografia

Steve Giustiniani, nato a Bologna il 5 Giugno 2000, cresce in un paesino di campagna. Fin da ragazzino si appassiona al mondo della musica dove trova una vocazione e un rifugio dai momenti difficili, in particolare nel genere Rap Old School. Inizia praticando il freestyle in compagnia di amici a 14/15 anni, poi il suo interesse si trasforma in passione ed inizia quindi a scrivere brani suoi, accantonando l’improvvisazione e Freestyle. Ha partecipato inoltre al Tour Music Fest edizione 2021 nella categoria Rapper. Al momento sta lavorando per produrre il suo primo album.

Instagram

Continue Reading

Trending

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.