Connect with us

Emergenti

“Chi l’avrebbe detto”: l’EP d’esordio di Masa Squiat

Published

on

Disponibile su tutte le piattaforme digitali “Chi l’avrebbe detto”, l’EP d’esordio di Masa Squiat. L’intero lavoro è prodotto da Afterouge, con la collaborazione di Andrea Testore, Stefano Gabriele Belforte e Axel Scarpulla in “Autostop”, e di Andrea Testore in “Lil Celentano”.

Chi l’avrebbe detto è il frutto di una lunga gestazione partita dal lavoro in studio tra il rapper Masa Squiat e il beatmaker Afterouge, sviluppatasi poi durante la “quarantena”. I brani sono stati scritti e

prodotti in un arco di tempo che va dalla fine del 2019 per terminare nei primi mesi del 2021. L’album “CHI L’AVREBBE DETTO” tratta tematiche strettamente personali, è un disco molto vissuto per quanto riguarda i testi e l’espressività del rappato, ma allo stesso tempo è molto musicale. Si è cercato di bilanciare la profondità dello scritto con delle sonorità calde, melodiche e avvolgenti. In brani come “Fiori Blu” ad esempio, si possono cogliere le atmosfere Afrobeat/Trap, mentre in “Ti Volevo” le sfumature del mondo Indie/Rock. Il titolo dell’album riprende il nome dal singolo pubblicato lo scorso anno con la collaborazione di Afterouge e del noto produttore Michele Canova, ed è stato scelto per riassumere e rappresentare al meglio tutte le avventure e disavventure trascorse durante l’annata del Covid.

Spiega l’artista a proposito del suo EP d’esordio: «Ho scritto questo disco in maniera molto spontanea, è un vero e proprio flusso di coscienza, non c’è nessun pezzo studiato a “tavolino”, ogni vibes è stata concepita dalla pura e semplice ispirazione. Lo reputo un disco sincero, nei testi si possono cogliere numerose metafore, giochi metrici e citazioni, è stato scritto con molta cura dei dettagli ma al tempo stesso ho lasciato in alcuni pezzi prevalere la spontaneità di una stesura più di getto, se vogliamo istintiva. Musicalmente parlando credo sia un errore definirlo un disco rap, ha diverse sonorità che credo il beatmaker Afterouge abbia saputo miscelare molto bene, inoltre sono presenti in due brani delle parti completamente suonate, tra cui una mega schitarrata nel finale di Lil’ Celentano. Quest’album è stata un’avventura in tutti i sensi, partita con il singolo che da’ il titolo al disco “Chi l’avrebbe detto” e che sta proseguendo con il consolidarsi di un team che ha avuto vita e ha dato il proprio contributo artistico proprio in questo anno turbolento e difficile per tutti».

7 tracce, 7 NFT. Unici e non duplicabili.

Acquistando una delle 7 tracce disponibili, si potrà ricevere inoltre il provino non terminato della prima versione di “Ti Volevo” che non uscirà mai: solo le 7 persone che compreranno uno dei 7 NFT potranno ascoltarla e possederla. Inoltre, nel momento in cui verranno stampate copie fisiche in formato CD e Vinile del disco, i 7 possessori ne riceveranno gratuitamente una autografata.

Biografia

Michele Di Biccari, ‘95, in arte Masa Squiat, è uno dei rapper emergenti più promettenti del panorama Torinese. Nel 2016 a 19 anni pubblica il suo primo lavoro, un EP di 5 tracce, “Tra sogno e realtà”. Nel 2017 con Telepass inizia a collaborare con il producer Afterouge, dando vita a “Progetto Trank”, sperimentando vari sound, tra il Pop e il Funk. Nel 2019 il nuovo percorso “Hip-Pop” dai live con la band alle strofe rappate. Vanta live opening a numerosi artisti come: Inoki, Achille Lauro, Fred De Palma, Tedua e Tredici Pietro.

PAGINE SOCIAL:

https://www.instagram.com/masasquiat/

https://www.instagram.com/afterouge_official/

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenti

“Pink Cadillac” il nuovo singolo di GIOIA

Published

on

Cresciuta in un ambiente artistico, GIOIA è un’appassionata di tutte le forme d’arte: ha infatti creato lei stessa la cover del suo nuovo singolo, “Pink Cadillac“. Questo è il suo esordio discografico, un brano pop scritto dalle influenze r&b e co-prodotto da Bias (Madame, Sangiovanni).Pink Cadillac è un sogno vivido, una cadillac rosa che viaggia durante la notte finché il sole non la sorprende mentre ascolta Etta James. Una metafora di tutto ciò che Gioia immagina per sé in una relazione d’amore.

La musica è l’arte che ci fa conoscere GIOIA e attraverso la quale entriamo in contatto con lei e con i suoi due mondi, quello minuscolo e quello maiuscolo.

Gioia in minuscolo rappresenta il mondo privato, intimo e riservato di una ragazza di vent’anni, appassionata d’arte, che vive in un piccolo paese del vicentino, immersa in un immaginario frutto della sua creatività. Una ragazza auto ironica, bellissima, senza alcuna consapevolezza della sua stessa grazia, a tratti impacciata.

GIOIA in maiuscolo è forte, volitiva, ribelle, trasgressiva e passionale. Femminile. Scrive, canta, vive, balla e attraversa tutte le emozioni della sua musica con intensità. Segue la sua strada, la governa a 360° gradi.

Gioia è una cantautrice che compone in lingua inglese alla chitarra o al piano e poi a livello produttivo ci porta nelle sue visioni cinematografiche, nei suoi viaggi onirici così profondamente reali (I live vivid dreams on a Pink Cadillac”).

Continue Reading

Emergenti

YoungDev pubblica “73”

Published

on

Con piacere ospitiamo volentieri l’amico Youngdev che ha pubblicato il nuovo lavoro “73“, un ep con 7 tracce uscito l’11 ottobre con a seguito il video del singolo “Domani Tornerò Ricco“.

Un Ep introspettivo che porta la maturità artistica ad un livello superiore rispetto alle tracce precedenti sicuramente più giovani e più goliardiche.

Torinese da sempre classe 1999, Denny fa musica da tanto e ci crede, lo abbiamo già apprezzato in vecchi lavori e lo avevamo già avuto ospite sul nostro portale (Leggi la vecchia intervista qui)

Lo abbiamo sentito telefonicamente ed è molto carico, ha lavorato duramente a questo Ep che vuole portare nel prossimo anno anche fuori dal Piemonte incontrando la sua musica e il suo flow in diversi feat per allargare la sua sfera musicale.

Covid permettendo lo troveremo presto in qualche locale di Torino per la presentazione ufficiale.

Tracklist “73”

Truestory
Domani tornerò ricco
Mi ami o Mi odi
73
2sec2k
Nessuno ci Parlerà
Hansel e Gretel

Vi lasciamo qui il primo video estratto dall’EP 73

Continue Reading

Emergenti

“Sarebbe Bello” il nuovo singolo di GIOVAPIÙGIOVA

Published

on

Sarebbe Bello è il nuovo singolo di GIOVAPIÙGIOVA, disponibile su tutte le principali piattaforme di streaming per Harsh Times Records \ Island Records.

Il brano riprende il mondo visionario di Giova, già emerso con gli ultimi singoli, fatto di monologhi con se stesso, “pensieri ammassati” e immagini che costellano le liriche della traccia come glitch intermittenti.
L’artista attraverso i suoi brani continua a definire un universo musicale fuori dal comune, nel quale l’utilizzo della voce, i testi e le produzioni si amalgamano e diventano imprescindibili l’uno per l’altro. Proprio per questo motivo continua il connubio musicale con Grindalf che per le strumentali di Sarebbe Bello alterna sonorità jungle e cassa dritta, immergendo le parole di Giova in una veste sonora inedita per la scena italiana.

L’innovazione, la ricercatezza e la cura nei confronti di sonorità internazionali sono gli elementi che rendono il progetto GIOVAPIÙGIOVA una realtà unica ed estremamente interessante.

GIOVAPIÙGIOVA, dopo l’omonimo ep d’esordio pubblicato lo scorso anno, torna con un nuovo progetto che si fonda sul dualismo attorno a cui ruota la propria persona e il proprio personaggio, elemento cardine della sua visione, inaugurato nel 2021 dai singoli Pezzi di Noi e Cellophane.
Due figure in contrasto che permettono al giovane cantautore di esprimere anime opposte, affidandole alle proprie canzoni: giorno e notte, male e bene, umano e animale, uno sdoppiamento che si ritrova non solo all’interno dei suoi testi ma anche nelle produzioni che spesso attingono da mondi musicali apparentemente inconciliabili tra loro.

Coprotagonista del progetto è il producer Grindalf, le cui strumentali spaziano liberamente tra i generi e nascono dalla somma dei riferimenti da cui entrambi gli artisti sono stati influenzati nel corso della propria carriera: dal mondo rap e trap al minimalismo dell’elettronica, un’attitudine e un immaginario che incontra il post punk, il tutto contaminato da una forte venatura soul e R’n’B che conferisce una nota più scura ed emotiva alle produzioni.

Harsh Times Records, fondata da DJ Harsh, nasce come incubatrice di nuovi talenti della scena urban. Rilanciando il marchio storico degli anni ’10, Harsh Times torna nel 2021 in una nuova veste, con lo sguardo rivolto alla scena emergente.

Continue Reading

Trending

Copyright © 2017 Zox News Theme. Theme by MVP Themes, powered by WordPress.